Prevenzione, cura e ricerca: un convegno per ricordare Alessandra Braca

Intensa giornata di riflessione e confronto a Palazzo Sant’Agostino, organizzata dall’associazione Ibis. Al centro del dibattito la cultura della prevenzione e l’importanza della ricerca nella cura delle patologie oncologiche, una “speranza” di vita dibattuta con l'ordine dei Medici di Salerno rappresentato dal dottor Attilio Maurano e con il professor Gerardo Botti, già Direttore Scientifico IRCCS Pascale di Napoli ed oggi sindaco di Sessa Cilento. Umanizzazione della medicina, corretti stili di vita e fiducia nella scienza sono stati i cardini della discussione che hanno coinvolto il pubblico presente. L'evento è stato introdotto da Ersilia Frusciante, dalle note del giovane pianista Davide Cesarano e dai saluti istituzionali del consigliere Provinciale con delega alle Politiche Sanitarie Filomena Rosamilia. L’avvocatessa Gabriella Marotta ha moderato i lavori ed ha “accolto” i familiari di Alessandra Braca, presenti in sala, la giovane salernitana deceduta ad agosto scorso per un male incurabile ed a cui era dedicata l’iniziativa. Il consigliere Provinciale con delega al Turismo Pasquale Sorrentino ha assicurato che continua l’impegno dell’Amministrazione Provinciale nella diffusione del valore della conoscenza, a beneficio di tutti i cittadini. Presenti all’evento l’assessore Comunale di Salerno Massimiliano Natella e la consigliera Tonia Willburger, oltre a numerosi esponenti dell’associazionismo culturale salernitano.