Gocce d’acqua: dal Battistero Paleocristiano di Nocera ad un video

Valorizzare e far conoscere l’immenso patrimonio idrico della regione Campania: è questo l’obiettivo dell’installazione artistica “Gocce d’acqua”, realizzata da un’idea di Giuseppe Ottaiano e sostenuta dall’Associazione Culturale Terre di Campania. In attesa di poter essere finalmente fruita dal pubblico, l’installazione collettiva è diventata protagonista di un video girato all’interno dello storico Battistero Paleocristiano di Nocera Superiore (SA). 180 gocce di legno, dipinte da 44 artisti e da oltre 100 allievi di 7 istituti artistici campani, hanno popolato l’interno di uno dei luoghi simbolo della cristianità in Campania, noto per la sua importanza storico-artistica e, per la sua antica funzione di Fonte Battesimale, naturalmente legato al tema dell’acqua. Il video girato ha un duplice scopo: diffondere la conoscenza dell’opera la cui inaugurazione (a causa dell’emergenza sanitaria) è stata necessaria rimandare, ma anche contribuire a promuovere beni culturali e luoghi campani dove l’acqua è protagonista. Un video che aspira a diventare il primo di una lunga serie. L’acqua è una fonte d’ispirazione imprescindibile per l’arte perché è la primordiale origine della vita e della fertilità, oltre che di scenari tumultuosi, suggestivi ed evocativi. La goccia d’acqua è la tela su cui gli artisti si sono espressi. Per tutti loro la stessa forma, dalla quale si sono generati 180 diversi racconti. Differenti stili, colori e tecniche per narrare l’elemento Acqua, un elemento tanto semplice quanto intriso di infinita potenzialità. (Antonella Petitti)