Giacomo Tedesco: «Salerno merita la Serie A. E con i tifosi ce la faremo»

Mai solo, come recita il titolo del suo docu-film. «Questa città non mi ha mai lasciato nemmeno un attimo. A volte penso cosa ho fatto per meritare così tanto affetto?». Gli occhi di Giacomo Tedesco brillano mentre i tifosi della Salernitana chiedono selfie ricordo e autografi sulla maglia granata. A Montecorvino Pugliano, durante una manifestazione, ne compare anche una con il numero 19. «Sono troppo legato a questa piazza. Adesso non vedo l’ora di poter vivere una partita in curva ed esultare ad un gol». Lì, nel settore più caldo dell’Arechi e che ogni weekend ricorda Vincenzo, Ciro, Giuseppe e Simone, scomparsi nella tragedia sul treno di ritorno di Piacenza dopo la delusione per la retrocessione in serie B. «Quella è una sconfitta umana che ci portiamo tutti ancora oggi, impossibile da dimenticare. Penso se avessimo potuto fare qualcosa in più in quella stagione, magari raggiungendo quella maledetta salvezza che avrebbe evitato tutto quello che è successo». di Sabato Romeo