BASKET 

Supercoppa, Scafati cerca il bis contro Roma

Domani esordio della Givova Scafati in una gara ufficiale al PalaMangano, nel secondo turno del girone blu della nuova SuperCoppa Lnp. Dopo il successo esterno del primo incontro ai danni del Latina,...

Domani esordio della Givova Scafati in una gara ufficiale al PalaMangano, nel secondo turno del girone blu della nuova SuperCoppa Lnp. Dopo il successo esterno del primo incontro ai danni del Latina, superato in casa 61-81, il quintetto scafatese ospiterà l’Eurobasket Roma sconfitta a domicilio 84-91 dal Rieti, dopo un supplementare, e quindi desiderosa di riscatto.
La compagine capitolina, allenata da coach Luciano Nunzi, veterano della categoria, ha un roster di tutto rispetto, tra le cui fila annovera diversi ex scafatesi, a partire dallo statunitense Miles (a Scafati nel 2017 per pochi mesi, prima della squalifica per doping), per poi passare per l’ala piccola Loschi ( nella stagione 2015/2016) ed il lungo Fattori (in Legadue durante la stagione 2009/2010). Si tratta di un organico molto competitivo per la categoria, che dirà sicuramente la sua in campionato nella corsa play-off.
La Givova Scafati, dal canto suo, è desiderosa di fare bella figura ed ottenere il passaggio alla seconda fase della SuperCoppa. «La vittoria contro Latina ci ha dato delle conferme, ma in questo periodo i risultati lasciano il tempo che trovano, il campionato sarà tutt’altra cosa e puntiamo ad arrivare pronti al meglio per il suo inizio. - ha sottolineato il coach Giulio Griccioli - Mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra al PalaBianchini, nonostante la trasferta ed i carichi di lavoro, ma dobbiamo dare il giusto peso ai risultati di questo periodo. Abbiamo tante cose su cui lavorare e migliorare e speriamo di fare qualche passo avanti già nella sfida contro Eurobasket Roma, consapevoli che occorreranno mesi per eliminare i nostri difetti, ma in questa fase dobbiamo imparare a capirci, conoscerci ed aiutarci, approfittando del fatto che affronteremo una squadra completa, con due ottimi americani».