CENTENARIO

Salernitana: vecchie glorie, nuove emozioni

Spettacolo granata a Santa Teresa per la partita amarcord: nostalgia e voglia di sognare

«Che bello è quando c’è tanta gente». È stracolmo in ogni angolo il litorale di Santa Teresa, e non manca la classica stoccata a Claudio Lotito. Protagonista involontario Domenico Botticella, sulla sabbia con “L’Amour Toujours” su cui un gruppo di tifosi canta: “Forse chissà, Lotito se ne va”. La piattaforma diventano gli spalti del cuore, la sabbia per un pomeriggio è l’erba verde dell’Arechi. C’è la gente delle grandi occasioni sul litorale di Santa Teresa. Perché se “è una libidine” come cantava Jovanotti nessuno vuole perdersi la possibilità di rivedere le gesta dei propri idoli. Arrivano tutti dopo le 18, quando i colori bianco e granata sono predominanti: una macchia che ha ancora bricioli di energia dopo due giorni di lacrime e corde vocali quasi ko. Anche il sole sembra voler ritardare il suo corso e fermarsi ad omaggiare i campioni di sempre. Ci sono tutti, o quasi, chiamati uno ad uno nelle migliori delle passerelle. Lo show è già nel pomeriggio, quando Ciro De Cesare e Salvatore Soviero danno vita ad un siparietto niente male. «Te lo ricordi ancora il gol che ti feci. Come ti brucia», dice il Toro di Mariconda. «Ti rendi conto che ti fanno dire che hai fatto un gol alla Del Piero», la risposta del portiere, irridendo il duellante per quanto detto durante la festa sul palco di Piazza della Concordia.

Sabato Romeo

©RIPRODUZIONE RISERVATA