SERIE B

Salernitana, odissea ritiro: braccio di ferro per Kiyine

Nuovo colpo di scena dopo l’accordo con Sarnano. Raduno fissato già il 20

SALERNO - Tutti a Cascia. Anzi a Sarnano. O forse neppure. La scelta del ritiro per la Salernitana versione Fabrizio Castori è diventata un po’ come la decisione della meta di vacanza d’una comitiva d’amici che fa fatica a mettersi d’accordo. Nel caso dei granata, se per l’Umbria c’era una location di troppo (non piaceva l’idea d’alloggiare a Roccaporena e poi trasferirsi in pullman per allenarsi nella città di Santa Rita), nelle Marche sarebbe sorto un problema di date. La comitiva del cavalluccio marino, su espressa indicazione del tecnico, vorrebbe partire già tra il 20 e - al massimo - il 21 agosto. Il comune maceratese, che appena ieri l’altro “festeggiava” l’accordo annunciando a “la Città” per voce del sindaco l’impegno ad aprire lo stadio locale a qualche centinaia di spettatori, ha frenato l’ufficializzazione così come la società dell’ippocampo. Che ora sta valutando una soluzione alternativa.

A proposito di desiderata: c’è un intrigo Kiyine. Il marocchino è stato inserito nella lista dei “prestiti-bis” dalla Lazio: come Karo, Cicerelli e Gondo, quasi sicuramente anche Dziczek e chissà se pure Maistro e Lombardi (ma quest’ultimo potrebbe andare in ritiro con i biancocelesti di Inzaghi), dovrebbe giocare ancora nella Salernitana.

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI