SERIE B

Salernitana-Brescia 4-2, le pagelle dei granata

Bocalon e Sprocati rinascono. Zito è ingenuo, disastro Ricci

6 RADUNOVIC Si supera respingendo d’istinto un colpo di testa di Caracciolo a botta sicura. Sbaglia tutti i rinvii nel primo tempo, a inizio ripresa si fa beffare dalla conclusione di Tonali che vale il momentaneo pari, poi si supera ancora su Torregrossa nel finale.

6 CASASOLA Soffre la vivacità di Martinelli, rischia grosso nel finale del primo tempo con una chiusura avventata. Cresce nella ripresa, spingendo con costanza e trovando pure il cross che porta al tris granata.

6.5 MANTOVANI Caracciolo lo sovrasta di testa in avvio, con il passare dei minuti riprende confidenza con il campo e tiene bene senza particolari patemi, guidando al meglio la difesa. Rispolverato dopo tempo immemore, è pienamente promosso.

6 SCHIAVI Soffre la fisicità di Torregrossa, duellando con il panzer bresciano e riuscendo spesso a sbrogliare la matassa affidandosi alla sua esperienza. Nel secondo tempo si limita a gestire il reparto senza particolari preoccupazioni.

6 VITALE Il più attivo della difesa, spinge con discreta costanza. Si fa sentire in mezzo al campo, richiamando lo sbadato Kiyine dopo l’ennesimo pallone perso ingenuamente. Sbaglia qualche chiusura ma si fa valere anche in copertura.

6 ODJER Il sostituto di Minala lotta su ogni pallone ma viene quasi sempre superato dal centrocampo del Brescia. Il calo degli ospiti gli permette di vivere un secondo tempo di minore affanno, in cui si segnala per l’assist del poker di Zito.

5 RICCI Timido, si nasconde senza mai riuscire a imporsi per guidare il gioco. A inizio ripresa tenta una improbabile conclusione che dà il via a un contropiede pericolosissimo, perde il tempo in occasione della rete che riporta le rondinelle in partita. Una gara davvero da dimenticare.

5 KIYINE Si adombra e sembra pure in deciso calo atletico. Prova qualche strappo, senza però esser efficace come in altre occasioni. All’ennesima palla sciupata, si prende il rimprovero di Vitale che lo “invita” a una maggiore attenzione. Nella ripresa, Colantuono lo sostituisce subito.

7 ROSINA È il cuore pulsante della Salernitana. Schierato dietro le punte, inventa con un lampo di genio il passaggio che porta al gol di Sprocati. Si fa vedere pure in fase di ripiegamento, correndo per tutta la gara e mostrando una condizione atletica invidiabile.

6.5 BOCALON Nel primo tempo non si rende mai pericoloso, lotta ma non riesce ad essere efficace. Nella ripresa, finalmente, riesce a sbloccarsi trovando il gol al terzo tentativo e liberando tutta la sua rabbia dopo un periodo difficilissimo. Nel finale, poi, libero da pressioni, si muove e svaria su tutto il fronte d’attacco andando a un passo dalla doppietta.

7 SPROCATI Festeggia il suo 25esimo compleanno ritrovando il gol (decimo in campionato) che mancava dal derby con l’Avellino. Nella ripresa dal suo piede parte il cross che porta al raddoppio di Bocalon. Due squilli in una partita in cui ha dato segnali di “rinascita”.

5 ZITO Ammonito pochi minuti dopo l’ingresso in campo, propizia la rete del tris in maniera casuale in mischia. Poi firma il poker, togliendosi ingenuamente la maglietta e raccogliendo così il giallo che gli costa l’espulsione.

5.5 POPESCU Entra a freddo e si fa bruciare da Okwonkwo nell’azione che fa rientrare il Brescia in partita.

s.v. SIGNORELLI Sfiora il gol con una conclusione potente dalla distanza.

(afn/al.mo.)