CALCIOMERCATO

Saleritana, Iervolino: «Niente fretta e colpi giusti»

Il patron predica calma: «Faremo scelte oculate per accontentare Nicola». Sogno Mertens

«Ricevo quaranta telefonate al giorno con argomento il mercato della Salernitana. Ciò che conta è fare scelte oculate che possano integrarsi bene con l’idea di gioco di mister Nicola ». Danilo Iervolino vuota il sacco e scopre le carte sui prossimi obiettivi granata. Come rivelato a Radio Kiss Kiss Napoli non c’è fretta, nessuna voglia di fare un movimento forzato che possa andare ad intaccare l’ossatura della squadra granata. Se il campo sottolinea la necessità per il club campano di sistemare alcuni reparti alle prese con infortuni e scelte risicate, ci pensa il numero uno granata a ricalibrare il tiro, a consentire al ds Morgan De Sanctis di muoversi senza fretta.

Attacco. Il grande sogno per il reparto avanzato resta Dries Mertens , per il quale anche Iervolino esce allo scoperto, annunciando di non aver ancora mosso passi ufficiali per il belga ma di esser pronto a mettere sul tavolo un contratto faraonico se l’ex Napoli dovesse svelare la sua voglia di non lasciare la Campania. Un nome da capogiro, con lo status da svincolato di Mertens che permetterà di lasciare la porta aperta anche dopo la finestra estiva. Nome top-class da aggiungere alle varie trattative in piedi per regalare a Nicola il nuovo bomber. Sfumato ormai Pinamonti , sempre più diviso tra Atalanta e Sassuolo, resta lo standby che accompagna Piatek , il polacco non è convinto della destinazione granata, e Maupay , il Brighton non molla nonostante il pressing granata. Sullo sfondo, le piste Lammers e Sanabria , con il primo alla ricerca di un’avventura più allettante in Europa, mentre stuzzica il belga Dodi Lukebakio dell’Hertha Berlino.

Centrocampo. Ieri la Salernitana ha ufficializzato il ritorno di Grigoris Kastanos . Il cipriota si è trasferito in granata a titolo definitivo dalla Juventus con contratto fino al 2026. Un innesto di qualità per un calciatore apprezzato da Nicola, fondamentale nello scacchiere tattico per la sua bravura nell’agire sia da mezzala che da trequartista. Ruoli per il quale De Sanctis sogna di mettere le mani sul turco Yusuf Yazici seppur resta la distanza con il Lille. Sempre sullo sfondo l’ipotesi di un ritorno di fiamma per Verdi . Per la mediana, il primo nome sul taccuino resta sempre quello di Nicolò Rovella con la Juventus che apre al prestito e lascia il pallone nelle mani dell’ex Genoa, allettato dal Monza. Inoltre, la Salernitana ha mosso passi concreti per Hrustic dell’Eintracht Francoforte, 26enne di passaporto australiano e bosniaco di origine ma ricevendo il momentaneo “no” dei tedeschi. Smentite le sirene inglesi su Allan .

Difesa. Le difficoltà numeriche acuite dallo stop di Lovato costringeranno a sistemare il pacchetto arretrato con un nuovo innesto. In attesa della decisione dell’Atalanta per Okoli , il club granata cerca un profilo di affidabilità e guarda anche all’estero, con il nome di Kouyatè del Metz sondato dal ds De Sanctis ma con il solito intoppo legato allo status da extracomunitario. De Sanctis ha provato un blitz con l’Empoli per Ismajli ma il patron toscano Corsi frena. Ranieri sogna il ritorno ma al momento è stato messo in standby. Sul taccuino sempre Becir Omeragic , classe 2002 dello Zurigo che piace per lo status di under ma costa tanto.

Le uscite. Resta da definire il futuro di Pasquale Mazzocchi . Dopo il dietrofront del Monza per un possibile affare con la Salernitana per l’esterno napoletano, ieri l’ex Venezia ha ripreso ad allenarsi in gruppo ma la sua situazione resta in divenire, con possibili nuovi pretendenti pronte a sferrare l’assalto nei prossimi giorni. Il club granata resta fermo sulla richiesta da circa 5 milioni di euro e non apre all’addio. Come soluzioni, piace sempre Zortea , abile a disimpegnarsi su entrambe le corsie. In uscita c’è soprattutto Simy : in serie B Ascoli, Reggina e Bari restano con gli occhi puntati ma sul nigeriano si è aperto anche lo scenario turco, con la Salernitana che sogna di recuperare parte dei 6 milioni di euro versati al Crotone per salutare l’ex pitagorico.

Sabato Romeo