SERIE D

Ripescaggi errati, la Cavese fa ricorso

Il club metelliano reputa sbagliati i criteri, decide il Collegio di Garanzia del Coni

La Cavese è retrocessa in serie D da tempo, ma per cercare di tornare in serie C, già da questa estate, il club ha presentato un ricorso al Collegio di Garanzia del Coni, avente come oggetto proprio i criteri stabiliti dalla Federazione per i ripescaggi nella serie superiore, quindi l’integrazione degli organici, nel caso la Lega Pro non riesca ad avere 60 squadre per formare i tre gironi da 20. Il presidente della società Massimiliano Santoriello aveva ammesso che, per la regola vigente, ai biancoblu sarebbe precluso il ripescaggio, dato che essi ne hanno già fruito tre anni fa, nell’estate 2018, per cui in teoria la Cavese poteva sperare solo nella riammissione. Pur essendo un percorso tortuoso, la Cavese ha inoltrato comunque il ricorso alla Sezione del Comitato Olimpico Nazionale Italiano competente sulle controversie in tema di ammissione ed esclusione dalle competizioni professionistiche: il club in particolare contesta due passaggi della delibera del Consiglio Federale pubblicata il 14 giugno scorso.

Orlando Savarese

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI