Paganese-Vigor Lamezia 1-0Esordio vincente nei playoff

Una rete di Luca Orlando regala il successo agli azzurrostellati di Grassadonia nell'andata del primo turno dei playoff. Vittoria preziosa, finale ad alta tensione con le forze dell'ordine in campo

PAGANESE-VIGOR LAMEZIA 1-0 (1-0)
PAGANESE (4-4-2):
Robertiello 6,5, Balzano 6, Fusco 6,5, Sicignano 6,5 (36' St. Pastore S.V.), Agresta 6, Galizia 5,5, Nigro 6, De Martino 6,5, Neglia 6 (26' St. Orlando F. 6), Fava 6, Orlando L. 7 (22' St. Cognigni 5). A disp.: Stillo, Errico, Giglio, Barone. All. Grassadonia.
VIGOR LAMEZIA (4-2-3-1): Forte 6, Franchino 6,5 (36' St. Sinicropi S. V.), Gattari 6, Marchetti 5,5 Bonasia 6,5, Cerchia 6,5, Giuffrida 6, Cane 5,5 (22' st Rondinelli 6), Lattanzio 5,5 (29' St. Romero S.V.), Mancosu 6, De Luca 6,5. A disp.: Calderoni, Mercurio, Martino, Visone. All. Costantino.
ARBITRO: Borriello di Mantova
RETE: 15' pt Orlando L.
NOTE: spettatori 3500 circa di cui 400 provenienti dalla Calabria. Minuto di raccoglimento per la giovane vittima dell'attentato di Brindisi. Ammoniti: Franchino, Mancosu, De Martino, Lattanzio, De Luca, Cognigni, Giuffrida, Orlando F, Rondinelli, Mercurio. Espulso al 48' della ripresa Galizia per un fallo su Giuffrida. Allontanato al 46' della ripresa un dirigente della panchina ospite. Angoli: 6-1 per la Vigor. Recupero: 1' pt, 5' st.

PAGANI. Striminzito (1-0) quanto prezioso (nell'ottica dei 180') il successo della Paganese, che al "Torre" s'impone, davanti ad almeno tremila tifosi azzurrostellati sulla Vigor Lamezia, nella gara d'andata delle semifinali playoff per la promozione in Prima Divisione. Decisivo il gol realizzato di testa, al quarto d'ora del primo tempo, dal bomber Luca Orlando, che capitalizza un cross di De Martino.

I padroni di casa, menomati da squalifiche ed infortuni, sono anche assistiti dalla fortuna, perché i calabresi centrano due legni (con Mancosu nel primo tempo e con Gattari nella ripresa) e recriminano per almeno un paio di episodi dubbi nell'area di rigore della squadra allenata da Grassadonia. La Paganese, però, soffrendo, stringendo i denti, e approfittando anche della magnanimità dell'arbitro Borriello, pur chiudendo in dieci uomini (per l'espulsione di Galizia in pieno recupero), riesce alla fine a portare a casa l'intera posta in palio.

Gli aggiornamenti in tempo reale sulla Paganese

Domenica prossima, in Calabria, sarà dura passare il turno, ma gli azzurrostellati hanno il vantaggio di poter contare su due risultati su tre per continuare ad inseguire il sogno promozione.