PAGANESE PROMOSSA0-0 a Chieti, festa a Pagani

Con un pareggio senza gol in trasferta gli azzurri volano in Prima Divisione. All'andata vittoria per 2-0 degli azzurrostellati. Arrembanti gli abruzzesi in superiorità numerica per quasi un'ora di gioco. Festa a Pagani e sugli spalti di Chieti dove erano in 500 al seguito

CHIETI-PAGANESE 0-0
CHIETI (4-2-3-1):
Feola, Bigoni, Migliorini, Pepe, Malerba, Amdio, Del Pinto (15' St. Berardino), Fiore (3' St Anastasi), Sabbatini, Alessandro (25' St. Gammone), Lacarra. A disp.: Perucchini, Gialloreto, Serpico, Pedrocchi. All. Paolucci.
PAGANESE (5-3-2): Robertiello, Pastore, Nigro, Fusco, Sicignano, Loiacono, Galizia, De Martino, Scarpa, Fava, Orlando L. (39' pt Giglio). A disp.:  Stillo, Errico, Orlando F., Neglia, Di Filippo, Cognigni. All. Grassadonia.
ARBITRO: Manganiello di Pinerolo
NOTE: spettatori 3500 circa (paganti 3285 per un incasso di euro 44.118), di cui oltre 500 provenienti da Pagani. Ammoniti: Lacarra, Galizia, Sicignano, Loiacono, Fusco, Sabbatini, Scarpa. Espulso al 37' Galizia per doppia ammonizione. Angoli: 5-1 per il Chieti. Recupero: 2' pt, 3' St.

CHIETI. La Paganese torna in Prima Divisione, dopo appena un anno di purgatorio. Basta lo 0-0 a Chieti agli uomini di Grassadonia, scortati da almeno cinquecento tifosi, impazziti di gioia al triplice fischio dell'arbitro Manganiello, per festeggiare la promozione. Fusco e compagni, al termine di novanta minuti di grande sofferenza, anche perchè costretti a giocare per quasi un'ora in inferiorità numerica, complice il doppio cartellino giallo rimediato da Galizia al 37' della prima frazione, tornano a casa imbattuti in questi playoff.

FOTO Festa per la promozione

Lo 0-0 del ritorno, combinato con il 2-0 dell'andata, regala il salto di categoria alla Paganese, straordinaria nella compattezza difensiva. Superbo Fusco, decisivo Robertiello, specie con due interventi nella rissa, che avrebbero potuto riaprire i giochi, bravi tutti gli altri a non mollare mai la presa. E così questa Paganese dimostra di essere più forte di qualsiasi avversità e meritatamente torna in terza serie, facendo esplodere d'entusiasmo un'unità città.


Cinque anni dopo, era il giugno 2007, la vittoria con la Reggiana che regalò il ritorno in C1 alla Paganese, il "Torre" torna di nuovo a fare festa per una finale play-off: questa volta di fronte c'era il Chieti. A distanza di una stagione gli azzurri hanno centrato il repentino ritorno in Prima Divisione, come avvenne nella stagione 1979-'80 quando guidati da Montefusco, riuscirono dopo la retrocessione in C2 nel campionato precedente, a risalire immediatamente in C1.
© riproduzione riservata