SERIE C

Paganese, orgoglio Erra: «Una partita da big»

Il tecnico giustifica il rosso di Alberti e sorride: «Ho rivisto la mia vera squadra»

PAGANI - Lo scatto d’orgoglio della Paganese vale quattro punti in due trasferte: un bottino insperato per gli azzurri in crisi alla vigilia della doppia sfida esterna con Bisceglie e Casertana. Il risultato del Pinto, arrivato dopo una prestazione convincente, rilancia la truppa di Erra, tornata ad essere cinica e spietata come nelle prime giornate di campionato. L’allenatore in sala stampa è visibilmente soddisfatto. Ma più che il risultato a farlo sorridere è la prova maiuscola dei suoi ragazzi, soprattutto sotto l’aspetto mentale. «Vorrei scusarmi a nome di Alberti. È giovane, alle prime esperienze. Il suo è stato un peccato di gioventù», la premessa-giustificazione del trainer di Coperchia sull’episodio finale che ha scatenato un parapiglia. Poi a Erra è toccato analizzare la prestazione dei suoi. «Mi è sembrato di vedere la squadra delle prime gare di campionato. Nella ripresa siamo arrivati tre volte davanti alla porta e quando non fai gol è ovvio che poi corri dei seri rischi. Quello che non dovevamo fare è stato correre dietro a loro visto e considerato che lanciavano lungo alla ricerca di un calcio piazzato. Nel complesso la squadra si è comportata egregiamente perché la squadra anche se non è partita bene ha avuto comunque la forza di rialzarsi e reagire».

Carmine Torino

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI