SERIE C

Paganese-Grassadonia, sfida dei ricordi

Gli azzurrostellati ritrovano per la prima volta da avversario l’allenatore dell’ultima promozione

PAGANI - La prima volta da avversario contro la squadra che, da allenatore, lo ha lanciato sul grande palcoscenico, regalandogli grandissime soddisfazioni. Sarà la prima volta “contro” fra la Paganese e Gianluca Grassadonia: l’allenatore del Catanzaro, infatti, fu protagonista di alcune delle stagioni più brillanti della storia recente azzurrostellata e, adesso, ritroverà ad avversario i liguorini. Il tecnico salernitano, dopo gli inizi con la Salernitana ed una breve parentesi a Caserta, ha guidato la Paganese per tre anni vincendo un campionato di C2 nel 2013, battendo in finale play off i neroverdi del Chieti e giocando la sfida di ritorno per oltre ottanta minuti in dieci uomini per l’espulsione di Galizia. Nella stagione 2016/’17, invece, dopo un inizio in ritardo a causa del ripescaggio di fine agosto, compì un vero e proprio miracolo: a gennaio, infatti, Grassadonia cambiò letteralmente la squadra e con un nugolo di ragazzini terribili, guidati dall’esperto Reginaldo in attacco, centrò l'obiettivo playoff poi sfumati al San Vito contro il Cosenza di Braglia che conquistò la serie B. Nonostante un grande rapporto di stima e di fiducia reciproca con il patron Trapani, a quel match seguì il divorzio con gli azzurri e la sua “promozione” in B a Vercelli alla guida della Pro con Luca Fusco - capitano della Paganese che conquistò l’allora Prima divisione - come suo vice. Retrocessione con i piemontesi e passaggio al Foggia per sostituire il partente De Zerbi.

Carmine Torino

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI