SERIE A

Napoli-Fiorentina, Ancelotti chiama i tifosi al San Paolo

L'allenatore non teme la scarsa affluenza all'impianto di Fuorigrotta in vista della sfida contro i viola

"Sono contento di essere qui per tanti motivi, la squadra, l'ambiente, la passione. Se ci saranno solo 20mila spettatori domani proveremo ad offrire un bello spettacolo, in modo poi da convincere gli altri a tornare in occasione della prossima partita". L'allenatore del Napoli Carlo Ancelotti commenta così la prevista scarsa affluenza di spettatori per il match di domani al San Paolo contro la Fiorentina.

Poi il focus sui viola di Pioli: "La Fiorentina ha fatto bene in queste due partite, ha giocatori bravi e pericolosi. Dobbiamo concentrarci su quello che vogliamo fare noi come sempre, rispettando l'avversario per l'organizzazione che ha. Dobbiamo far bene per la nostra autostima che s'è abbassata un po' dopo Genova", ha detto. "Nella sosta abbiamo analizzato bene la gara contro la Sampdoria, è vero che non è stata una buona gara, ma l'approccio è stato giusto, è mancata la reazione ed il controllo del gioco dopo l'1-0 -aggiunge il tecnico emiliano-. Poi la seconda parte del primo tempo è stata da dimenticare, finora i primi tempi non sono stati dell'intensità che volevamo. Abbiamo preso tanti gol, ma abbiamo anche preso meno tiri, quindi piccoli errori ci costano più del normale. Dobbiamo aumentare l'attenzione sui dettagli. Dire che la fase difensiva è deficitaria perché abbiamo preso tanti gol non è vero, si sono presi i gol in 3 gare contro squadre d'alto livello ma difensivamente la squadra si è comportata bene".