SERIE D

La Nocerina ai piedi del trascinatore Ruggiero

L’ex talento della Primavera della Juventus si sta esaltando con i molossi

Stangata Sarnese, medico squalificato fino al 31 ottobre

NOCERA INFERIORE - Dalla Juventus alla serie D per trascinare la Nocerina verso lidi tranquilli. E’ la storia di Giuseppe Ruggiero, il calciatore simbolo della prima parte di stagione dei molossi: il centrocampista, infatti, è andato a segno sia nella vittoria con il Città di Messina che nel blitz di Castrovillari, regalando con le sue reti sei punti alla squadra, piombata in piena zona playoff. L’esperienza alla Nocerina può segnare il rilancio di uno dei tanti talenti del nostro calcio che non è riuscito a confermare quanto di buono fatto vedere da ragazzino: in bianconero, infatti, Ruggiero diventò un perno della Primavera tanto da attirare le attenzioni di club nobili come Pro Vercelli e Ascoli dove trovò spazio in serie C prima di superare il confine e accettare la proposta degli sloveni del Nova Gorica. Da quel momento, però, qualcosa si è rotto: il ritorno in Italia al Cuneo non gli permise di esplodere definitivamente, causando la sua “retrocessione” in D, prima al Savona e poi all’Argentina Arma.