APPUNTI DALLA VUELTA

Il ritorno sulle montagne mette in fila i big

Vince Alaphilippe, Aru e Nibali perdono qualche secondo dal leader Froome

Ancora una tappa destinata agli scalatori alla Vuelta a Espana 2017, la Hellín–Xorret de Catí (Costa Blanca Interior). I 195 km hanno strizzato l'occhio ai big, dopo la tappa di mercoledì. Il ritorno nelle terre valenciane ha previsto tre gran premi della montagna negli ultimi 88 chilometri di corsa, due dei quali, il Puerto de Biar (6,1 km al 3.4%) e il Puerto de Onil (7 km al 3,8%). L'ultima asperità di giornata, posta a 3 chilometri dal traguardo: l’Alto de Xorret de Catì, 5 km alla pendenza media del 9%. I corridori sono partiti da Hellín alle ore 12.15. L'avvio di corsa è stato rapidissimo, alla media di 49 chilometri orari. Dopo la bagarre iniziale si è formato un gruppo di testa forte di 21 unità che è riuscito ad arrivare in porto: il plotone maglia rossa con tutti i big ha portato subito uno svantaggio di 4 minuti. Ai meno 3 km "frullata" di Froome che mette tutti in fila e si riporta su contador; rispondono bene Chaves, Nibali e Zakarin. Con loro anche Michael Woods (Cannondale-Drapac Pro Cycling Team), Vincenzo Nibali (Bahrain) e Fabio Aru (Astana Pro Team). Vince Julian Alaphilippe (Quick-Step Floors) in volata, secondo Jan Polanc (UAE) e terzo Rafal Majka (Bora-Hansgrohe). Concludono Chris Froome (Team Sky) e Alberto Contador (Trek-Segafredo) a 1'26''. Dietro di loro Aru, Nibali, Chaves e Zakarin ad ulteriori 15''.