Gelbison, rinviato l’esordio ad Agropoli 

Patron Puglisi: «Giusto che la prima gara nel nuovo stadio sia disputata dai delfini»

La Gelbison rimanda il suo debutto casalingo al “Guariglia” di Agropoli. Gli sportivi cilentani aspettavano il ritorno nella propria terra dopo l’esilio di Pagani del sodalizio rossoblu già a partire dalla gara contro il Picerno e invece l’attesa verrà prolungata di altre due settimane fino alla gara contro il latina in programma il 4 dicembre. Infatti i lavori alla struttura sportiva agropolese sono stati ultimati ma il presidente della Gelbison, Maurizio Puglisi, ha ritenuto che a dover giocare per primi nel nuovo stadio siano i padroni di casa dell’Agropoli che militano nel campionato di Eccellenza. Con una nota il numero uno del club vallese ha fatto sapere: «contraccambiamo la grande ospitalità della dirigenza dell’Agropoli e della Città lasciando che sia la squadra di casa a disputare la partita inaugurale allo stadio “Guariglia”. L’impianto sportivo, dopo i lavori di adeguamento per la Lega Pro, è pronto ad ospitare le partite casalinghe dell’Us Agropoli e della nostra Gelbison. Per regolamento, in caso di concomitanza di incontri fra le mura amiche, avremmo dovuto avere noi la priorità ma per questa domenica rinunciamo a giocare al “Guariglia”, lasciando libero l’impianto all’Us Agropoli che sarà protagonista della partita inaugurale». Il presidente Puglisi ha poi aggiunto: «È un piccolo grande gesto da parte nostra con il quale vogliamo ribadire il nostro ringraziamento alla Città di Agropoli, alla dirigenza tutta della squadra locale e alla tifoseria di Agropoli che ci hanno aperto le porte, ospitandoci nel proprio impianto sportivo e dimostrando nei nostri confronti un grande senso di ospitalità». Quindi Puglisi ha concluso: «La nostra prima partita al “Guariglia” tra i professionisti è solo rimandata. Domenica prossima sarà, come è giusto che sia, l’Us Agropoli a giocare per prima sul nuovo manto erboso del “Guariglia”. Nel rinnovare i nostri ringraziamenti, auguriamo all’Us Agropoli un buon prosieguo di campionato certi che insieme porteremo in alto il nome del Cilento. Grazie Agropoli». Un gesto di galanteria che però l’Agropoli non può raccogliere visto che i delfini saranno nuovamente in esilio a Capaccio Scalo. L’ondata di maltempo che ha colpito la città negli scorsi giorni rende indisponibile lo stadio che dovrà essere sottoposto a ulteriori verifiche tecniche. Se ne riparlerà tra due settimane (almeno per quanto riguarda il campionato) perché i delfini dovrebbero già esordire nell’impianto ristrutturato il prossimo mercoledì quando in Coppa Italia di Eccellenza ospiteranno il San Marzano. (nic. sal.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA