Gelbison, carica De Sanzo: «Ci salveremo» 

Serie C. Presentato l’allenatore che ha preso il posto di Esposito. Pascuccio: «Lavoriamo solo per il bene della squadra»

«Mentalità, grinta e umiltà». Sono le richieste che ha avanzato mister Fabio De Sanzo, sostituto dell’esonerato Gianluca Esposito, alla Gelbison «se si vuole raggiungere la salvezza», ha chiosato in conferenza stampa di presentazione l’allenatore che già alla Paganese riuscì nel miracolo vincendo il playout contro il Fondi. «Dobbiamo cominciare con umiltà per fare il massimo sul campo e quindi lavorare tutti insieme per raggiungere l’obiettivo fissato dalla società» ha aggiunto il tecnico che ieri ha anche diretto il primo allenamento al “Morra” e che domenica esordirà nella “sua” Pagani contro il Taranto. «Conosco la squadra perché l’ho seguita. Mi sono fatta un’ipotesi ben chiara della situazione perché è innegabile che i ragazzi fino a oggi hanno dimostrato bel gioco ma allo stesso tempo ho visto pure tante pause e amnesie. Dobbiamo iniziare a giocare di sciabola più che di fioretto» ha proseguito De Sanzo che ha anche ammesso: «Ripartirò dal modulo a me caro che è il 3-5-2 e che ho adottato anche quando ho salvato la Paganese. Penso che ci sono giocatori che si possono adattare benissimo a questo modulo mentre ad altri dovrò chiedere qualche sacrificio perché sono stati presi per giocare in altra maniera. Ma sono sicuro che nessuno si tirerà dietro», ha concluso l’allenatore. Ad accompagnare De Sanzo nella sala stampa del “Morra” a Vallo della Lucania c’era il consulente di mercato Nicolò Pascuccio che ha tenuto a fare una premessa: «L’unica cosa fondamentale è la salvezza della Gelbison e il bene della squadra. Ed è per questo motivo che in maniera ponderata e dopo aver riflettuto tantissimo abbiamo dovuto fare la scelta di separarci da mister Esposito. Dovevamo dare una sterzata alla squadra che in questo momento non sta rendendo per quelle che sono le nostre aspettative». Pascuccio poi ha sottolineato come: «De Sanzo avrà carta bianca così da raggiungere il prima possibile l’obiettivo salvezza». Il consulente di mercato ha tenuto però a rispondere anche alle critiche che si sono alzate dopo la decisione di esonerare Esposito: «Le ritengo ingenerose per una società che ha fatto la storia di un intero territorio. A questa società invece vanno fatti solo complimenti al di là di come vanno attualmente le cose anche se sono sicuro che ci salveremo». Non era presente il presidente Maurizio Puglisi che ha affidato il suo pensiero a un post sul proprio profilo Facebook: «Ci sarà sempre qualcuno che non comprenderà una tua scelta. Ma si sceglie per proseguire, non per essere compresi». (nic. sal.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA