SERIE A

Empoli-Salernitana, le probabili formazioni

Granata a trazione anteriore, caccia alla vittoria. A centrocampo Lassana Coulibaly in regia

SALERNO - Se fosse il Giro d’Italia, la penultima battaglia sportiva di Empoli sarebbe per la Salernitana come un tappone pirenaico. Non per la portata dell’avversario, matematicamente salvo e con la mente sgombra da paure e assilli di classifica, ma per il carico emotivo che peserà sulle spalle della Bersagliera. Da appassionato delle due ruote Davide Nicola lo sa: seppur il tecnico granata rinunci al concetto sportivo di “finale”, il Castellani è il falsopiano insidioso da affrontare alzandosi sui pedali per superare le insidie altimetriche e le gambe tremanti di chi ha pedalato forte senza sosta da settimane e che ora vede la luce in fondo al tunnel sempre più vicina. Dalla bandiera verde, fissata alle ore 15:00, fino al triplice fischio finale, alla Salernitana servirà tenere fisso lo sguardo solo sulla propria bici.

Nel motore mancherà Bohinen, regista lucido ed impavido che ha dato il via alla riscossa granata. Al posto dello scandinavo, in cabina di regia guiderà le operazioni Lassana Coulibaly, pronto a spostare nella fetta centrale di campo il proprio dinamismo. Novità tattica che va a sommarsi ai tre volti nuovi in formazione rispetto all’undici anti-Cagliari. Se in difesa si andrà avanti con i titolarissimi, Sepe sarà coperto dal terzetto Gyomber, Radovanovic e Fazio, nella linea a cinque in mediana ci saranno due novità: la prima riguarda la corsia mancina, con Zortea che spodesterà Ruggeri, la seconda invece è legata all’impiego di Kastanos nella casella rimasta vacante dopo il dirottamento di Coulibaly davanti alla difesa. Conferme invece per gli insostituibili Ederson e Mazzocchi. Davanti invece scoccherà l’ora di Bonazzoli: il capocannoniere granata spodesterà Verdi e affiancherà Djuric, seppur il bosniaco non sia al top della condizione.

Sabato Romeo

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI