LA RIPRESA

Ecco il Fondo Salva Calcio, un soccorso da 21 milioni

Contributi alle società di serie B, C e Dilettanti ma anche per 2mila tesserati

ROMA - «Il calcio italiano riprenderà il 12 giugno». Ad annunciarlo è il ministro per lo sport Vincenzo Spadafora in diretta Facebook. La decisione della Lega Serie A di anticipare di ventiquattro ore le semifinali di Coppa Italia è stata accolta positivamente dal Governo. Venerdì 12 a scendere in campo per la prima sfida post-emergenza Coronavirus saranno dunque Juventus e Milan, seguite sabato 13 da Napoli e Inter. Resta invece confermata per mercoledì 17 giugno la finale della competizione nazionale. «Si tratta di una soluzione maturata anche in virtù delle esigenze dei club ma ripartiremo dalla Coppa Italia visibile per tutti in chiaro, sulla Rai», ha detto Spadafora. Una decisione che accontenta tutti ma non l’Inter, da giorni sul piede di guerra per il calendario già fitto d’impegni e la volontà ribadita più volte di spostare la Coppa Italia ad agosto. Il club nerazzurro nelle scorse ore aveva addirittura minacciato di scendere in campo al San Paolo nella sfida di ritorno con il Napoli schierando la Primavera.

Sabato Romeo

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI