GIUDICE SPORTIVO

Cori razzisti, la Curva Nord della Lazio squalificata per due turni

Stangata la tifoseria biancoceleste, multa di 20mila euro al ds Paratici

ROMA - La Lazio giocherà le prossime due partite casalinghe contro Cagliari e Udinese senza il pubblico della Curva Nord, la parte più calda del tifo biancoceleste. Al turno di squalifica inflitto dal giudice sportivo di Serie A per cori razzisti, durati alcuni secondi, intonati da circa 2mila tifosi, nei confronti dei calciatori del Sassuolo Claud Adjapong e Alfred Duncan se ne aggiunge un altro per "la revoca della sospensione dell'esecuzione della sanzione inflitta in occasione della gara Roma-Lazio del 30 aprile 2017" sempre per cori razzisti per mancata decorrenza dell'annuale periodo di prova. Il giudice sportivo della serie A, inoltre, ha fermato tre calciatori per il prossimo turno: squalificati per una giornata Barreto (Sampdoria); Calhanoglu (Milan); Zuculini (Verona). Ammenda di 10mila euro all'Atalanta per lancio di oggetti in campo durante la partita casalinga contro la Juventus. Multate anche l'Inter e la Roma, di 2500 euro, per avere causato il ritardo dell'inizio della partita di qualche minuto. Inibito fino al 15 ottobre e multato di 20mila euro Fabio Paratici, ds della Juventus, "per avere, al termine della partita contro l'Atalanta, nel tunnel che porta agli spogliatoi, proferito espressioni gravemente ingiuriose e insultanti nei confronti della Var".