Cavese sciupona, sono due punti persi 

I blufoncè pareggiano per 2-2 contro il Bisceglie a Castellammare. Non bastano le reti segnate da Germinale e Matino

La Cavese vista ieri a Castellammare di Stabia ha solo avuto una pecca: non è stata abile a mantenere il risultato di vantaggio, che sarebbe stato decisamente utile per la propria classifica. Il Bisceglie alla fine ha strappato il 2-2 che fa morale soprattutto per i pugliesi, perché i biancoblu hanno lottato, pagando dazio solo per due tra le pochissime distrazioni che hanno avuto. Per la squadra di Campilongo non sono bastati Germinale e Matino, che hanno disputato una partita molto positiva, perché dall’altra parte i neroazzurrostellati hanno proposto Letizia e Gatto.
Mister Campilongo non ha cambiato modulo rispetto alla partita precedente vinta con il Monopoli, ha comunque riproposto Matino a destra al posto di Polito, invece il Bisceglie si è affidato a Karkalis e a Letizia, presi poche settimane prima. Pugliesi schierati con tre difensori centrali e due esterni, molto abbottonati, e la Cavese inizialmente ha preso d’assalto la munita retroguardia ospite. Al 9’ cross di Matino per Germinale che di testa ha messo fuori. Al 22’ ci ha riprovato Matera con un tiro da lontano finito ampiamente fuori, al 23’ Germinale di testa ha impegnato Borghetto, poi quaranta secondi dopo una conclusione di Zibert si è persa alta di pochissimo. I metelliani, che hanno sfruttato tanto la fascia destra nel primo tempo, sono passati in vantaggio poi al 25’: traversone precisissimo di Spaltro e conclusione vincente di Germinale. Il Bisceglie nel quarto d’ora prima dell’intervallo poi ha reagito: al 34’ profondo inserimento di Diallo che ha impegnato Kucich con un tiro dal limite. Al 41’ un tiro di Letizia è finito alle spalle di Kucich ma la rete è stata annullata per fuorigioco di uno degli attaccanti che stava davanti al portiere della Cavese.
Nella ripresa neroazzurrostellati inizialmente più minacciosi, all’11 di testa Zibert ha messo alto, poi con l’entrata in campo di El Ouazni la Cavese ha tenuto palla avanti per diversi minuti, sfiorando il raddoppio con Germinale, ma al 24’ un pallone perso in uscita dai biancoblu ha consentito a Zibert di servire in profondità Gatto, che ha aspettato l’uscita di Kucich prima di batterlo. La Cavese a sua volta segna quasi immediatamente il gol del due a uno con il colpo di testa di Matino sugli sviluppi di un corner, al minuto 27, ma un minuto e mezzo dopo Gatto si è procurato un rigore per un fallo commesso da un difensore aquilotto. Letizia al 29’ ha trasformato il penalty, poi ha esultato indirizzando il gesto a qualche suo conoscente che era in Tribuna, il che non è stato preso bene da molti dei tifosi metelliani presenti. La squadra di casa nel finale ci ha provato ancora, prima con Russotto, poi con Germinale, e infine con Castagna, ma in nessuna di queste occasioni Borghetto si è lasciato battere. Il Bisceglie avrebbe potuto segnare anche il terzo gol se Matino non avesse murato con il corpo una conclusione decisa di Gatto, ma sarebbe stata una beffa in piena regola. È finita quindi 2-2, un pareggio che i tifosi di Cava non accolgono malissimo, perché comunque la loro squadra ha fatto di tutto per ottenere il risultato pieno.
Orlando Savarese
©RIPRODUZIONE RISERVATA