SERIE C

Cavese-Potenza, tensione in tribuna: ferito uno steward

Dirigenti lucani esultano per il vantaggio e scoppia il caos. Condanna dal club blufoncè

Paganese, furia De Sanzo: «Voglio gente che lotta»

CAVA DE' TIRRENI - Istanti di tensione si sono verificati nella parte superiore della Tribuna centrale dello stadio Simonetta Lamberti di Cava de’ Tirreni dopo il vantaggio del Potenza siglato da Genchi. L’esultanza da parte dei dirigenti rossoblu e di alcuni familiari dei calciatori ha surriscaldato il clima, rendendo necessario l’intervento degli steward per evitare che il pubblico di fede lucana e tifosi metelliani arrivassero al contatto. Ad avere la peggio è stato uno degli addetti alla sicurezza che, nel tentativo di riportare la calma, è caduto all’indietro ed è stato trasportato in ospedale dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di sette giorni per escoriazioni e trauma da caduta. L’acceso confronto verbale avvenuto in tribuna ha causato l’interruzione del gioco per quattro minuti in quanto anche i calciatori in campo avevano notato quanto stava accadendo. Gli agenti del commissariato di Polizia, agli ordini del vicequestore Imma Acconcia, indagano sull’accaduto. Su questo episodio la società metelliana ha espresso ferma condanna, anche perché proprio ieri era stato consentito a un gruppo di ragazzi dell’istituto Carducci-Trezza di assistere alla partita per dare un messaggio di tifo corretto. I dirigenti della Cavese sono stati i primi ad attivarsi per riportare la calma, come gli stessi calciatori, in primis “l’Atleta di Cristo”, Favasuli.