SERIE B

Calciomercato Salernitana, i big rifiutano

Doppio “no” da Dezi e Ceravolo. Presi solo Calaiò e Lopez, via Bocalon e Vitale

Fabiani: "Rafforzata la società"

Lecce-Ascoli rinviata, grave infortunio per Scavone

SALERNO - Tira brutta aria al settimo piano dell’hotel Da Vinci. E quando alle otto della sera suona il gong, che pone fine al calciomercato d’inverno, la Salernitana si ritrova senza due dei tre obiettivi della sua campagna milanese. Dei big attesi dal Parma arriva solo Emanuele Calaiò, mentre Fabio Ceravolo e Jacopo Dezi rifiutano, restano in Emilia. Due “pali” di cui la società granata mostra chiaramente i segni.

Oltre all’eterno “arciere”, in entrata c’è pure Walter Lopez, terzino sinistro di grande esperienza ch’era alla Ternana, dove finisce in prestito Luca Castiglia. Al mancino ex Benevento spetterà il compito di rimpiazzare Gigi Vitale, passato al Verona (contratto fino al 2021). Movimenti di rafforzamento o d’indebolimento? È ragionevole dubbio, soprattutto in avanti, perché la Salernitana vende al Venezia, potenzialmente diretta concorrente per i playoff, il suo attaccante fin qui più prolifico, Riccardo Bocalon, per prenderne uno, Calaiò appunto, ch’è sì un bomber dalla storia indiscussa (quasi 200 gol in carriera), però che non gioca una gara ufficiale dal maggio scorso e ha 37 anni.

“Din don” s’è materializzato ieri attorno alle sei del pomeriggio nella hall dell’albergo di Milano, per completare di persona le formalità del suo passaggio (anzi, ritorno) fino al 2022 in Laguna, con la squa-dra della sua città, quella per la quale ha sempre fatto il tifo da bambino, che l’ha (ri)accolto con un video amarcord dei suoi gol del passato in arancioneroverde. A proposito di reti, la società granata ha ceduto pure il suo secondo calciatore più prolifico, Tiago Casasola, passato a titolo definitivo alla Lazio e però “lasciato” a Salerno in prestito fino a giugno. È stato invece riscatto dal Chievo l’attaccante Lamin Jallow: promessa mantenuta con la punta gambiana, pluriennale fino al 2023.

Dario Cioffi