SERIE B

Calciomercato, la Salernitana fa sul serio

Oltre ai colpi Djuric e Jallow, firmano Di Tacchio e il baby brasiliano Anderson

CALENDARIO, UFFICIALE LA DATA DEL SORTEGGIO

TUTTE LE TRATTATIVE DI OGGI

SALERNO - Gli occhi saranno pure (sempre) lo specchio dell’anima, però per leggere l’umore popolare ora ci sono i social. E quell’onda granata che s’alza lì, al tramonto d’una giornata importante, è il segno evidente d’un entusiasmo ch’è tornato ad avanzare, abbattendosi sulla riva d’una tifoseria che altro non chiede che farsi travolgere dal desiderio di sognare. La Salernitana fa sul serio e la percezione d’un vento che cambia, soffiando fino ad allontanare l’umanissimo scetticismo figlio delle lunghissime attese per le trattative più delicate, si materializza in un giovedì ch’è un crescendo di colpi di scena. Il buongiorno, assieme al rinnovo di Raffaele Pucino, lo dà Francesco Di Tacchio, il centrocampista che Stefano Colantuono aspettava. Ha 28 anni, non gli manca il mestiere. E non arriva per “far numero”, anzi. A meno di 24 ore dal suo svincolo dall’Avellino, il regista pugliese firma un triennale e va subito in campo, nel pomeriggio, al Mary Rosy, dove trova pure André Anderson, talento brasiliano che sbarca in Europa con le stimmate della “grande promessa”. Classe 1999, compirà 19 anni a settembre. È soprannominato “o artilheiro”, “l’artigliere”. Viene presentato come un trequartista dal “piede caldo”, il carioca scuola Santos, che all’ombra del Castello d’Arechi arriva in prestito dalla Lazio. Lì davanti, insomma, è una “rivoluzione”, preludio alla cessione di Riccardo Bocalon, probabilmente destinazione Ascoli. Perché André Anderson c’è, ma Milan Djuric e Lamin Jallow pure. Una prima linea che ora stuzzica, intriga e (ri)accende la fantasia popolare. Già, l’entusiasmo. A ben pensarci, sarebbe l’ultimo grande rinforzo del mercato granata.

Dario Cioffi