PALLANUOTO

Beffa casalinga per la Tgroup Arechi contro il Pescara

Milic: "Pagati due tempi pessimi. Ognuno andava per sé"

SALERNO - Una beffa. La Tgroup Arechi domina due frazioni di gioco, si porta addirittura sul triplo vantaggio ma, come ormai di consueto accade da un mese a questa parte, patisce un pesante black-out a partire dal terzo tempo ed è costretta a capitolare nuovamente alla Piscina Vitale contro un indomito Pescara. Perché la compagine ospite, frastornata dall’avvio sprint dei padroni di casa, non ha mai smesso di crederci, rimanendo in partita nei momenti difficili, e sfruttando al massimo gli errori degli invicti nei momenti chiave di frazione. “Un successo meritato”, sottolinea con amarezza il tecnico Milic a fine gara. Probabilmente è così, ma la Tgroup Arechi ci ha messo senz’altro del suo.

“Complimenti al Pescara che ha saputo sfruttare i nostri vincendo con l’esperienza questo match. Abbiamo disputato due buone frazioni, dopodiché, è incominciata la sofferenza dove ognuno nuotava per sé. E ciò lo abbiamo pagato. Dobbiamo mantenere lo stesso ritmo per tutti e quattro i tempi di gioco. Purtroppo subiamo anche il fatto che non sempre ci alleniamo tutti insieme durante la settimana. Questo si vede anche in acqua. Due tempi buoni e due disastrosi. D’altronde quando manca l’ossigeno mancano anche soluzioni in attacco ed in difesa.” Così mister Milic al termine del match contro Il Nuoto Pescara.