IL RETROSCENA

Asse Salerno-Napoli per salvare i granata. Summit con il notaio

Pronti “re” delle acque minerali, Cerruti e Banca del Fucino. Offerta milionaria ai trustee e soldi per rafforzare la squadra

C’è qualcuno pronto a rispondere all’appello della Figc che non cede sul cambio di proprietà della Salernitana entro il prossimo 31 dicembre. Una squadra effervescente sull’asse Salerno-Napoli composta tra l’altro da uno dei proprietari di una nota marca di acqua minerale già sponsor di un altro club di Serie A, e con l’imprenditore salernitano Domenico Cerruti, fino alla scorsa stagione sportiva patron dell’Agropoli e attuale presidente onorario della Gelbison, che ha avuto già l’adesione di altri interessati non a parole. Con il supporto di Banca del Fucino che assicurerebbe le garanzie richieste dai trustee. Ieri confronto in Figc, mentre era in corso il Consiglio federale, alla presenza anche di un notaio: per redigere in maniera corretta l’offerta da presentare ai professionisti incaricati della vendita sotto l’egida della Federcalcio. Oggi possibile definizione dei dettagli, dopo una sera di incontri e telefonate.

L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE IN EDICOLA OGGI