ECCELLENZA

Agropoli, una rimonta per la serie D

I delfini contro il Brindisi devono ribaltare la sconfitta dell’andata

AGROPOLI - La gara che vale una stagione e che può cambiare il futuro va in scena questo pomeriggio fra le mura amiche di uno stadio che si preannuncia ribollente di passione. L'Agropoli questo pomeriggio (fischio d'inizio ore 16.30) sfida il Brindisi nel ritorno della finale dei playoff nazionali di Eccellenza: la squadra biancazzurra riparte dalla sconfitta di misura patita in Puglia al Fanuzzi (1-0) e conta di ribaltare il risultato della prima partita, cancellando così la beffa della scorsa stagione quando fu proprio l'Agropoli a subire la rimonta nel return match della finalissima per la serie D sul campo del Castrovillari. La squadra di Gianluca Esposito, forte della prestazione dell'andata, scenderà in campo convinta di poter compiere l'impresa: gli unici indisponibili saranno Limatola, Pirone e Graziano, tutti e tre out per infortunio ma l'ex allenatore di Sarnese e Portici conta sulla profondità della sua panchina per mandare in campo un undici titolare comunque di alto livello. Un assenza importante anche per il Brindisi dell'ex Massimiliano Olivieri, il tecnico che condusse l'Agropoli lo scorso anno all'ultimo atto per la promozione nel torneo d'interregionale, che non potrà contare su Quarta. A far la differenza oggi potrebbe essere il pubblico del Guariglia: lo stadio di Agropoli, infatti, si prevede pieno come mai in questa stagione e il fattore casa potrebbe essere determinante per permettere alla squadra cara al patron Domenico Cerruti di conquistare un successo che significherebbe il ritorno in serie D dopo due stagioni d'alto livello in Eccellenza.