SERIE C

Accardi carica: «Paganese senza paura»

Gli azzurrostellati affrontano il Catanzaro falcidiati da infortuni e squalifiche

Cavese, la difesa è un vero bunker

PAGANI - «Senza paura». È il diktat, riassunto in due parole, del ds Guglielmo Accardi alla sua Paganese nel giorno di vigilia di una gara, contro il Catanzaro al Marcello Torre, che definire soltanto complicata sembra quasi un eufemismo. Per il valore dei calabresi e per le condizioni, tra infortuni e squalifiche, in cui gli azzurrostellati arrivano a questa sfida dal massimo coefficiente di difficoltà.

Cuore, bende e cerotti. Basteranno per dare continuità al pari di Potenza, direttore? «Ci aggiungerei il gioco. È l’unica strada che noi possiamo seguire per provare a sorprendere delle squadre più esperte, come il Catanzaro che è palesemente superiore. Faremo il possibile, come sempre. Rinfrancati dal punto conquistato sabato scorso, ma soprattutto dalla prestazione che ci ha portato a ottenerlo».

Ripartiamo dal risultato del Viviani, allora. Rafforzata l’autostima? «Sicuramente avevamo bisogno di quest’iniezione di fiducia. Non era facile, per il morale, andare avanti dopo tre sconfitte consecutive di cui l’ultima, contro la Juve Stabia, arrivata dopo un primo tempo discreto. Il brutto impatto avuto contro il Rende ci ha penalizzato anche nelle partite successive. Di sicuro il pareggio di Potenza è stato importante e, lo ripeto, ancor più prezioso è il fatto che sia stato figlio di una prova di personalità».

(d.c.)