Skip to content

Cessione Salernitana, nuovi contatti

di Sabato Romeo
L'incertezza sul futuro del club blocca le opearazioni di mercato
Cessione Salernitana, nuovi contatti

Il lavoro ai fianchi è continuo, incessante. Nell’ultimo weekend disponibile, la Salernitana lascia ancora la porta socchiusa a Brera Holdings. Eppure, ora dopo ora, la possibilità che Danilo Iervolino resti ancora al timone della Bersagliera prende sempre più corpo. Dell’offerta promessa dagli americani ancora niente. Anche ieri, l’amministratore delegato Maurizio Milan ha tenuto vivi i contatti con gli emissari del fondo a stelle e strisce. Il numero due del club campano ha concesso un’altra breve finestra per permettere a Brera Holdings di far arrivare nella casella Pec della dirigenza campana la propria proposta per l’acquisizione delle quote del club. Altrimenti sarà semaforo rosso. Ovvio che il ritardo nella formulazione della proposta abbia infastidito Danilo Iervolino così come i suoi più stretti collaboratori. E da Pierre Galoppi, ad del fondo americano, non ci sono messaggi da settimane. L’ultimo lo aveva affidato al suo profilo Linkedin, alla ricerca di un controllore finanziario di lingua italiana.

Non proprio un buon segno, mentre chi cura gli interessi degli uffici milanesi della realtà con sede a Miami ribadisce la volontà di investire nella Salernitana. Se dovesse riassumersi tutto con una fumata nera, Iervolino riaprirebbe la porta a Gabetti Sport, società di temporary management che ha ufficialmente salutato la Juve Stabia e ora aspetta solo una chiamata dal numero uno della Bersagliera. Dopo i contatti febbrili di inizio giugno, il possibile affare con Brera Holdings aveva messo tutto in standby. Ora però si guardano con insistenza gli smartphone, con l’interesse a collaborare con la Salernitana sottolineata dai massimi sistemi della società.

E poi c’è il mercato, con il ds Petrachi che aspetta anche lui la definizione della querelle societaria per mettere a segno i primi colpi di mercato. Per Vandeputte bisogna concretizzare la posizione di vantaggio acquisita nei giorni scorsi e chiudere l’affare da circa 3,2 milioni di euro con il Catanzaro. Il sogno per l’attacco è Tutino, con una bozza di triennale che si concretizzerà una volta trovato l’accordo con il Cosenza.

Leggi anche