Skip to content

Juventus-Salernitana 1-1, granata tutto cuore: pari allo “Stadium”

Squadra di Colantuono in vantaggio con Pierozzi poi raggiunta da Rabiot nel finale
Juventus-Salernitana 1-1, granata tutto cuore: pari allo “Stadium”

Una Salernitana tutto cuore ferma la Juventus sull’1-1 allo “Stadium” nella gara valida per la 36a giornata del campionato di Serie A. I granata hanno giocato a testa alta senza aver timore reverenziale contro i più quotati avversari e sono passati in vantaggio al 27′ con Pierozzi. Poi il pari dei bianconeri è arrivato solo al 92′ con Rabiot.

JUVENTUS-SALERNITANA, LA CRONACA DEL PRIMO TEMPO

La Salernitana inizia la partita sena paura rendendosi pericolosa al 5′ con Pierozzi che prova un tiro da fuori area ma Szczesny para senza problemi. La risposta dei bianconeri arriva all’8′ con Vlahovic che lascia partire un poderoso bolide da fuori area che si stampa sulla traversa e poi carambola di poco fuori la linea di porta. I granata però, dopo una fase centrale di primo tempo abbastanza sonnolento da parte di entrambe le formazioni, passano in vantaggio al 27′ con Pierozzi che appostato sul primo palo sugli sviluppi di un corner battuto dalla destra di testa anticipa Rabiot e beffa il portiere della Vecchia Signora che può solo raccogliere la palla in fondo al sacco. Un minuto più tardi Rabiot prova a rispondere con un tiro dal limite ma la palla termina di poco alta sulla traversa. Ma è la Salernitana la squadra più pericolosa perché al 31′ Sambia ci prova direttamente su punizione dal limite dell’area mettendo in difficoltà Szczesny che deve salvarsi in tuffo. E visto che la Juventus non riesce a trovare spunti offensivi Bremer al 34′ decide di mettersi in proprio con un tiro dalla lunga distanza che sfiora il montante alla destra di Fiorillo che proteso in tuffo lascia terminare sul fondo. Ma la squadra di Colantuono risponde con Tchaouna che riparte in contropiede e serve Ikwuemesi che però davanti a Szcezsny in uscita non è freddo e si fa anticipare. La Juventus si fa rivedere avanti al 43′ con cambiaso che tira dal limite con palla che esce di poco sul fondo. È l’ultima occasione prima del duplice fischio dell’arbitro che manda le squadre negli spogliatoi con i granata in vantaggio 1-0.

JUVENTUS-SALERNITANA, LA CRONACA DEL SECONDO TEMPO

La ripresa inizia con un triplice cambio della Juventus con mister Allegri che butta da subito nella mischia Chiesa, Iling Junior e Miretti per cercare di ribaltare il risultato. E proprio il neo entrato Iling-Junior ci prova con un tiro da fuori che però non procura problemi a Fiorillo. La squadra di Colantuono però risponde subito dopo con Coulibaly ma il suo tiro finisce alto sulla traversa. Al 52′ la Salernitana reclama un fallo di rigore per un tocco in area di braccio di Rabiot sugli sviluppi di un corner ma l’arbitro, con l’aiuto del Var, decide di non assegnare la massima punizione. Al 58′ la Salernitana prova a far male in contropiede con Coulibaly che però arrivato al limite dell’area avversaria non trova spazio per il tiro e la palla è conquistata da Chiesa che fa partire un capovolgimento con Vlahovic che davanti a Fiorillo in uscita non trova per poco lo specchio della porta con palla che termina di poco a lato. La Juventus si fa però pressante alla ricerca del pari con Pirola che al 59′ si immola a centro area per anticipare Vlahovic pronto a deviare in fondo al sacco a botta sicura e subito dopo Locatelli si vede deviato in angolo un tiro da fuori area. Il primo cambio di Colantuono arriva al 65′ con Legowski che prende il posto di Vignato. Ma è la Juventus che continua a rendersi pericolosa perché Vlahovic batte una punizione dalla trequarti per la testa di Gatti che però spedisce alto da buona posizione. Al 73′ mister Colantuono opta per il secondo cambio mandando sul terreno di gioco Kastanos al posto di Ikwuemesi. Mister Allegri risponde con doppio cambio al 76′: dentro Milik e Yildiz al posto di Vlahovic e Rugani. Al’80’ pericolosi ancora i bianconeri con Milik che di testa spinge Fiorillo a salvarsi in tuffo in angolo. Dal corner la palla arriva a Chiesa che però tira centralmente. La Salernitana risponde con Tchaouna che all’84’ si invola verso la porta avversaria ma entrato in area e al momento del tiro è contrastato da Gatti: per il direttore di gara è però tutto regolare. Un minuto dopo è Sambia che serve Coulibaly che però arriva al momento del tiro in maniera scoordinata e spedisce la palla sopra la traversa. Ma la Juventus risponde con un forcing senza respiro con all’88’ Miretti che si vede respingere il tiro dalla traversa: sul tap-in Chiesa trova la gamba di Fiorillo che si salva in angolo. Colantuono corre ai ripari e all’89 spedisce in campo Pasaladis e Pellegrino al posto di Zanoli e Sambia. Ma nonostante tutto la pressione della Juventus viene premiata al 92′ con Rabiot che appostato sul secondo palo sugli sviluppi di un corner sfrutta il tacco di Locatelli per spedire in fondo al sacco il gol dell’1-1. Ma l’ultima occasione è sui piedi di Basic che però a porta a vuota spedisce clamorosamente di poco sopra la traversa un tiro a giro che avrebbe potuto regalare la vittoria ai granata.

JUVENTUS-SALERNITANA 1-1, IL TABELLINO

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Gatti, Bremer, Rugani (31′ st Yildiz); Cambiaso, Mckennie (1′ st Miretti), Locatelli, Rabiot, Kostic (1′ st Iling Junior); Vlahovic (31′ st Milik), Kean (1′ st Chiesa). In panchina: Perin, Pinsoglio, Alcaraz, Djalo, Nicolussi Caviglia Allenatore: Allegri.

SALERNITANA (3-4-2-1): Fiorillo; Pierozzi, Fazio, Pirola; Zanoli (44′ st Pasalidis), Coulibaly, Basic, Sambia (44′ st Pellegrino); Vignato (20′ st Legowski), Tchaouna; Ikwuemesi (28′ st Kastanos). In panchina: Costil, Salvati, Ferrari, Di Vico, Sfait, Simy, Weissman.  Allenatore: Colantuono.

ARBITRO: Alberto Santoro di Messina. (assistenti: Andrea Zingarelli-Khaled Bahri. IV Uomo: Juan Luca Sacchi. Var: Paolo Mazzoleni. Avar: Luigi Nasca).

RETE: 27′ pt Pierozzi (S), 47′ st Rabiot (J).

NOTE – Ammoniti: Vlahovic (J), Rabiot (J), Zanoli (S), Sambia (S), Fiorillo (S), Pasalidis (S), Basic (S). Recupero: 4′ pt, 6′ st.

Leggi anche