Skip to content

Salernitana, comandano solo i soldi

di Alfredo Boccia
Salernitana, comandano solo i soldi

Ancora poche ore e Danilo Iervolino potrebbe firmare o meno la cessione della Salernitana a Brera Holdings, la società che rappresenta l’omonimo fondo americano quotato al Nasdaq. In gioco ci sono milioni di euro, quelli che il patron attuale dell’ippocampo incasserebbe, e di dollari, soldi chiamati ad investire i possibili acquirenti. E la storia della società calcistica di Salerno, la passione dei tifosi, la maglia granata e l’aspetto prettamente sportivo? Nell’ambito delle trattative da settimane in corso tra le parti facile, con ogni probabilità, che tali aspetti vengano ritenuti almeno in questa fase secondari: postilla-corollario, quindi, al contratto sotto cui porre le firme di cessione-acquisizione. Mercoledì 19 giugno la Salernitana festeggia il compleanno numero 105 di una storia in cui a farla da padrone sono stati sempre gli uomini più che algoritmi o società “schermate” senza una persona in carne ed ossa cui rivolgersi. Magari fra poche ore qualcuno a Salerno si presenterà. D’altronde Miami, sede del Fondo americano, non è lontana. E nemmeno risulta distante Roma dove si stanno decidendo le sorti – è bene mandarlo a mente – non solo di una società di calcio.

P.S.
Un lettore, non a torto, si è armato di pazienza nel leggere l’articolo pubblicato nell’edizione di ieri di questo giornale sull’attenzione della Federazione Italiana Gioco Calcio in merito alla possibile cessione della Salernitana e – pur nel giorno della domenica, per anotonomasia dedicato al riposo – ha inviato in redazione un preciso messaggio in cui chiede al cronista di verificare le persone che detengono la proprietà di Brera Holdings per poi renderle note. Un “affare”, almeno al momento, non facile e, quindi, in onestà intellettuale e professionale, richiesta difficile da esaudire nel breve periodo. Comunque eravamo all’opera e, come sempre, ci proviamo. Di certo conosciamo l’attuale titolare della Salernitana a cui rigiriamo la domanda, più che mai appropriata, di dare già un volto ai possibili nuovi proprietari della Salernitana.

Leggi anche