Skip to content

Salernitana-Monza, le probabili formazioni

di Sabato Romeo
Sfida decisiva all’Arechi: Fazio non al top in panchina dove siederanno pure Dia e Coulibaly
Salernitana-Monza, le probabili formazioni

Chiamatela sfida determinante, ultima chance per la salvezza, esame decisivo o finale per continuare a sperare. Gli appellativi non mancano per sottolineare l’importanza capitale di Salernitana-Monza, anticipo del sabato alle ore 18 che rischia di mettere un punto sul percorso in serie A della Bersagliera. All’Arechi, dinanzi a circa 20mila spettatori, la squadra di Fabio Liverani è condannata alla vittoria per provare a risollevarsi, riaccendere l’ambiente e soprattutto ridurre la frattura da una zona salvezza lontana e pronta a salutare i granata in caso di nuovo passo falso. L’impegno per la Bersagliera però sarà durissimo, contro un Monza con il morale alle stelle dopo la vittoria storica sul Milan e ora bramoso di dare continuità al proprio campionato per non fare i conti con l’ennesimo inciampo nel momento del salto di qualità.

All’aspetto emotivo, seguirà anche la rivoluzione a metà in chiave formazione, seppur il tecnico romano sarà costretto a dover fare i conti con l’ennesima emergenza difensiva. Oltre alle defezioni di Pirola, Gyomber e Pierozzi bisogna fronteggiare anche le condizioni non ottimali di Fazio. L’argentino andrà al massimo in panchina, obbligando la Salernitana a sperimentare un nuovo inedito pacchetto arretrato composto da Pasalidis, Manolas e Pellegrino a protezione di Ochoa. Solo panchina per Boateng, non al top. Nel 3-4-2-1 di Liverani rivedrà il campo Legowski, pronto a spodestare Lassana Coulibaly e Maggiore. Il polacco farà coppia con Basic, con la linea mediana che sarà completata sugli esterni da Zanoli e Bradaric. Sulla trequarti l’usato sicuro, con Kastanos e Candreva che agiranno alle spalle di Weissman. Panchina per Dia, con il senegalese che sarà “punito” al pari di Lassana Coulibaly per l’atteggiamento tutt’altro che positivo nelle ultime settimane.

Momento diametralmente opposto in casa Monza, voglioso di dare continuità alla vittoria roboante sul Milan. Palladino si affiderà alle sue certezze, ripartendo dal 3-4-2-1 e soprattutto ritrovando Di Gregorio, uscito malconcio nel derby con i rossoneri. In difesa Izzo, Pablo Marì e Andrea Carboni. A centrocampo Birindelli, Pessina, Gagliardini, Valentin Carboni. Sulla trequarti ci saranno Colpani e Mota alle spalle di Djuric.

Leggi anche