Skip to content

Angri battuta all’ultimo secondo nel derby con l’Avellino

Scolpini sulla sirena gela i ragazzi di coach Chiavazzo
Angri battuta all’ultimo secondo nel derby con l’Avellino

Ko sulla sirena per l’Angri Pallacanestro, battuta dall’Itecna Scandone Avellino con un tiro sulla sirena di Scolpini. Non bastano i 32 punti di un indiavolato Taddeo ai ragazzi di coach Francesco Chiavazzo, al primo stop stagionale al PalaGalvani. A sbloccare il punteggio è Taddeo con l’appoggio sotto canestro del 2-0. La replica della Scandone è affidata a Trapani e Soliani (4-8). Jelic dimostra subito di avere la mano caldissima e sigla la tripla del 9-8. Avellino è squadra solida e rimette il muso avanti con un’altra bomba di Soliani (9-13). Bonanni e ancora Jelic respingono il tentativo di fuga irpino con il 16 pari. Izzo marchia la sua 101esima presenza con il gioco da quattro punti, che vale il 20-17. Trapani, allo scadere, fissa il punteggio sul 20-19 alla fine del primo periodo. Nei secondi dieci giri di lancetta si fa notare Taddeo con il 24-21. La Scandone impatta anche stavolta con Cianci (26-26). Ed è proprio lui, coadiuvato da Soliani, a scrivere il +7 (28-35), che costringe coach Chiavazzo al time out d’urgenza. A dare la scossa è Taddeo, che riduce le distanze (32-37). Stavolta è l’ex Sanfilippo a dover fermare la gara. Soliani fa ancora male dal perimetro, però il solito Taddeo mantiene Angri a contatto con alcune giocate fenomenali (39-40). Un libero di D’Offizi porta la sfida, all’intervallo lungo, sul 39-41.

La seconda parte della gara

Alla ripresa delle ostilità Ruggiero colpisce nel pitturato per il 43 pari. Poi è un immenso Taddeo a siglare il 45-43. Avellino è nelle mani di Bianco che piazza il siluro de 47-50. Lo show di Taddeo non si ferma, con la scucchiaiata del 49-50 e la bomba del 52 pari. Angri mette di nuovo il naso avanti con Iannicelli e Jelic per il 55-52. Soliani cancella la tripla di Iannicelli per il 58-57. Sulla sirena Trapani appoggia il 59 pari con cui si va al quarto e decisivo periodo. E’ bagarre al PalaGalvani, con l’Itecna che brucia la retina con Mazzagatti (62-64). I Condor litigano un po’ con il canestro e Trapani li castiga con il tiro dal perimetro per il 62-67. Granata e Taddeo non ci stanno e rimettono il match sulle ali dell’equilibrio (66-67). Il play grigiorosso arriva a 30 punti con i liberi del 68-67. La furia di Taddeo non si ferma, visto che realizza il jumper dall’angolo per il 70-67. Pichi va a bersaglio con il 70 pari a 1’41’’ dal termine, lanciando così la volata finale. Jelic sfrutta il libero di un tecnico e firma il 71-70. L’ultimo minuto è vietato ai deboli di cuore. A 11’’ sul cronometro Avellino ha il possesso che decide la gara. Proprio allo scoccare della sirena Scolpini recupera un rimbalzo d’attacco, su tiro sbagliato da Trapani, e gela il PalaGalvani.

Leggi anche