Skip to content

Trapani-Angri, la società doriana scrive ai tifosi

«Siamo disponibili ad un confronto in tempi brevissimi, per chiarire nei particolari quanto accaduto»
Trapani-Angri, la società doriana scrive ai tifosi

Mancata disputa della partita di Coppa Italia di Serie D tra Trapani e Angri, la società doriana scrive ai tifosi per spiegare quanto accaduto.

La società US Angri 1927 nelle persone del presidente Raffaele Niutta, del vice presidente Alessandro Rosolino e dell’ad Francesco Pepe, in relazione alla mancata disputa della gara Trapani-Angri di Coppa Italia non disputata per la mancata partenza della squadra, intende evidenziare quanto segue:

  • Il nostro operato in questi mesi è sempre stato improntato per la valorizzazione del calcio nella città di Angri attraverso investimenti economici e professionali. Il tutto nel rispetto di una piazza gloriosa del calcio campano, delle istituzioni e di tutti quei tifosi che non ci hanno mai fatto mancare il loro sostegno.
  • Come sempre abbiamo fatto, ci prendiamo tutte le responsabilità di ciò che accade sotto la nostra gestione nel bene e nel male. 

Ciò nonostante, ci sentiamo di sottolineare che siamo rammaricati per quanto accaduto nelle ultime ore, in circostanze uniche irripetibili e non prevedibili. Precisiamo che stiamo valutando tutte le azioni atte a difendere gli interessi e l’immagine dell’US Angri 1927 in tutte le sedi opportune. I nostri impegni ad oggi, sono stati sempre mantenuti nei confronti dei calciatori, dello staff e di tutti i dipendenti della società, e la nostra disponibilità, ed il rispetto verso i nostri tifosi, veri trascinatori della piazza,rimane immutato! Siamo consapevoli della loro forza, della loro passione e del loro trasporto.

Confermiamo il nostro impegno per il prossimo futuro, con ulteriori investimenti, ma siamo disponibili anche a metterci da parte ove mai non ci consideraste meritevoli di rappresentare la us Angri 1927. Siamo disponibili ad un confronto in tempi brevissimi, per chiarire nei particolari quanto accaduto. Noi non siamo Angresi ,ma stiamo imparando ad amare la vostra bella città!”

Leggi anche