IN UN LIBRO

La tesi: "Il Vaticano spese 483 milioni per allontanare Emanuela Orlandi"

L'intreccio spiegato da Fittipaldi attraverso un documento

Emerge un documento choc dalla Santa Sede. Per allontanare Emanuela Orlandi il vaticano avrebbe speso 483 milioni. Il segreto viene rivelato nel libro “Gli impostori” di Emiliano Fittipaldi. Ecco l’estratto del libro che parla della ragazzina scomparsa nel 1983 a causa sdi un giallo mai chiarito. “Prima di consegnarmi i documenti, la fonte aveva tergiversato per settimane. Nei primi due incontri, durante i quali avevo chiesto consigli su come raggiungere l'obiettivo, aveva escluso con fermezza di avere le carte che cercavo. "Le ho solo lette, se le avessi te le darei, figurati," aveva chiarito seccamente di fronte alle mie insistenze. Non ero convinto che dicesse la verità, ma tentai le strade alternative che mi aveva indicato. Capii presto che era fatica sprecata, e dopo un po' tornai alla carica. Alla fine, al terzo appuntamento, la fonte ha ammesso di avere il dossier. "Te li do solo perché credo che sia venuto il momento di far luce sulla storia." Al quarto incontro, avvenuto in un bar del centro di Roma, mi consegnò una cartellina verde. Me ne tornai a casa di corsa senza neanche guardarci dentro. Appena varcata la porta del mio studio, la aprii. C'erano dei fogli: una lettera di cinque pagine, datata marzo 1998. È scritta al computer o, forse, con una telescrivente, ed è inviata (così leggo in calce) dal cardinale Lorenzo Antonetti, allora capo dell'Apsa (l'Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica), ai monsignori Giovanni Battista Re e Jean-Louis Tauran. Prima di consegnarmi i documenti, la fonte aveva tergiversato per settimane. Nei primi due incontri, durante i quali avevo chiesto consigli su come raggiungere l'obiettivo, aveva escluso con fermezza di avere le carte che cercavo. "Le ho solo lette, se le avessi te le darei, figurati," aveva chiarito seccamente di fronte alle mie insistenze. Non ero convinto che dicesse la verità, ma tentai le strade alternative che mi aveva indicato. Capii presto che era fatica sprecata, e dopo un po' tornai alla carica. Alla fine, al terzo appuntamento, la fonte ha ammesso di avere il dossier. "Te li do solo perché credo che sia venuto il momento di far luce sulla storia." Al quarto incontro, avvenuto in un bar del centro di Roma, mi consegnò una cartellina verde. Me ne tornai a casa di corsa senza neanche guardarci dentro. Appena varcata la porta del mio studio, la aprii. C'erano dei fogli: una lettera di cinque pagine, datata marzo 1998. È scritta al computer o, forse, con una telescrivente, ed è inviata (così leggo in calce) dal cardinale Lorenzo Antonetti, allora capo dell'Apsa (l'Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica), ai monsignori Giovanni Battista Al tempo, Giovanni Battista Re era il sostituto per gli Affari generali della segreteria di Stato della Santa Sede; Jean-Louis Tauran era il numero uno dei Rapporti con gli stati, un'altra sezione del dicastero della Curia romana che "più da vicino", come spiega il sito del Vaticano, "coadiuva il Sommo Pontefice nell'esercizio della sua suprema missione".

Prima pagina

martedì, 21 maggio 2019

Sport

Salernitana, Centenario e futuro: Ventura arriva in città

L'ex ct atteso per un convegno su Gipo Viani

Sfida Santoriello: «Centenario Cavese, un grande stimolo»

Attesi 250 ex blufoncè per le celebrazioni

La rivincita di “un’altra” Salerno

di Dario Cioffi

Scudetti per ginnastica e pallamano ma da Matierno il basket rilancia l’emergenza impianti

Cultura e Spettacoli

Boccaccio, novelle salernitane

Quattro delle cento storie del Decameron sono ambientate tra il Capoluogo e la costa

I 100crammatinirussi promuovono la cilentanità

Massimo Sica: siamo un piccolo miracolo che ama le proprie tradizioni e le porta in scena

Yoshimoto: «Salerno crocevia di culture»

La scrittrice giapponese è arrivata ieri in città: amo la cucina, il clima e la letteratura italiana. Impazzisco per Umberto Eco