I TIFOSI

Un bagno di salernitanità, i granata al Centro Storico

Civico 4 del “vicoletto Pietra del Pesce”, nel cuore antico della città. Dove la “salernitanità” si respira a pieni polmoni. Trasuda pure dai muri. Lì, dove la maglia granata è una seconda pelle non soltanto per modo di dire, per una sera s’è trasferita in massa la Curva Sud Siberiano. S’inaugura la nuova sede del Centro Storico, realtà ultras che da 15 anni accompagna la Salernitana in ogni campo. La data di fondazione, 2003, campeggia su un bandierone che dà il benvenuto in quella che i ragazzi del gruppo hanno ribattezzato “la casa della salernitanità”. Stefano Colantuono, allenatore dell’ippocampo di oggi, ci entra da capo delegazione. S’è fatto scortare da un salernitano doc, il team manager Sasà Avallone, e da un altro “acquisito”, l’attuale tecnico della Primavera, Gigi Genovese. È un bagno d’affetto, d’entusiasmo. Di salernitanità. Ci sono pure Raffaele Schiavi, il capitano, il difensore Valerio Mantovani e il bomber Riccardo Bocalon. A loro, ovviamente, i tifosi granata chiedono «cuore», «grinta», «orgoglio», «punti». Tante parole e un coro che sintetizzata tutto: «Noi vogliamo 11 leoni».