Torna la Festa della Musica 

Domenica nei Templi di Paestum l’esibizione di 150 studenti

Nonostante ingressi ridotti ed esibizioni da remoto domenica, alle ore 18, torna ai Templi di Paestum la Festa della Musica. È la vittoria della speranza e della vita sulla paura e la pandemia. Lo spettacolo si intitola “Viaggiando con Musica di InsiemI…sul web”, organizzato dalla rete di enti composta dall’Istituto Comprensivo a indirizzo musicale CoMVass “Mons. M. Vassalluzzo” di Roccapiemonte (capofila) con la docente Teresa D’Alessandro, dal Parco Archeologico di Paestum e Velia, dal Conservatorio di Salerno “G. Martucci”, dall’I.C. V. Mennella di Lacco Ameno, dal Liceo musicale A. Galizia di Nocera Superiore e dai Comuni di Villa Ravaschieri, Roccapiemonte e Lacco Ameno. Il concerto è l’appuntamento conclusivo del progetto “Viaggiando con Musica di InsiemI…dal Locale al Globale”, realizzato nell’ambito del Piano Triennale delle Arti Miur_Usr Campania. L’evento, che prevedeva l’esibizione live dell’Orchestra Musica di InsiemI, è stato ripensato come un’esibizione dell’orchestra da remoto, con la proiezione del concerto su un video-wall installato nell’area archeologica di Paestum. I musicisti impegnati nell’evento saranno circa 150 studenti appartenenti alla rete delle scuole della regione, con la partecipazione degli alunni della scuola IC S. Pertini Savona 2 di Savona con cui è stato stretto un gemellaggio. Gli studenti hanno registrato le loro performance musicali e organizzato altre sorprese che verranno svelate nel corso della serata. Con la Festa della Musica 2020, il Parco Archeologico di Paestum e Velia dà il via all’Estate 2020. A differenza degli altri anni, il numero degli eventi in calendario sarà ridotto, così come anche il numero di persone che potranno accedere al museo e all’area archeologica contemporaneamente. «Stiamo vivendo un periodo che verrà ricordato nei libri di scuola. - afferma il direttore, Gabriel Zuchtriegel - Abbiamo bisogno di allegria, proprio quella che la musica è in grado di donarci». Sulla stessa lunghezza d’onda la preside dell’I.C. Vassalluzzo, Anna De Simone: «L’idea di far suonare l’Orchestra “Musica di InsiemI” in virtuale tra i templi per sottolineare ancora di più che la bellezza e l’amore per la cultura deve essere sempre e comunque coltivata».
Oreste Mottola
©RIPRODUZIONE RISERVATA