Studenti europei insieme al Tasso per un progetto di scrittura

La Biennale delle arti e delle scienze del Mediterraneo (Bimed) in partnership con il Liceo classico di Salerno Tasso, guidato dalla dirigente Carmela Santarcangelo (foto), e con l’Università...

La Biennale delle arti e delle scienze del Mediterraneo (Bimed) in partnership con il Liceo classico di Salerno Tasso, guidato dalla dirigente Carmela Santarcangelo (foto), e con l’Università telematica Pegaso, ha avviato un progetto Erasmus+ che ha la finalità di sperimentare relazioni organiche tra studenti di quattro paesi di ambito comunitario basate sulla scrittura, per sentirsi cittadini europei.
Al Tasso si è insediato nei giorni scorsi il tavolo tecnico per la gestione del progetto Erasmus+ che vede protagonisti i delegati delle scuole. Che sono il Liceo Tasso per l’Italia, 6 Gel kavalas per la Grecia, Agrupamento de Escolas Navegador Rodrigues Soromenho per il Portogallo e Colegiul National Nicolae Titulescu per la Romania a cui si aggiungono i rappresentati dei partner tecnico scientifici Bimed e Pegaso.
«Il progetto –spiega Andrea Iovino, presidente di Bimed e responsabile scientifico del progetto – poggia su una determinante semplice e ineludibile al tempo stesso: nonostante l’innovazione tecnologica, il trasferimento di ogni sapere non può che essere veicolato attraverso la parola, l’eloquio, il leggere, lo scrivere. La rappresentazione e l’humus di ogni contesto civile anche in questo inizio di terzo millennio e, credo, sarà così per la prospettiva, passa attraverso il narrare, l’organizzazione di una storia che poi, in fondo, altro non è se non metafora della vita stessa». «E’ partendo da questi presupposti – prosegue – che abbiamo immaginato di mettere insieme ragazzi di quattro paesi europei perché possano scrivere insieme una storia … per farli sentire sempre di più i protagonisti della storia».