IL CASO

Scandalo sessuale, Fausto Brizzi "cancellato" dal prossimo film

Il nome del regista non comparirà nei titoli di coda della pellicola in uscita a dicembre

ROMA – Lo scandalo sessuale che ha travolto il regista Fausto Brizzi è pronto a scatenare un ciclone. Il nome del regista, infatti, potrebbe non comparire nei “titoli di coda” del film “Poveri ma ricchissimi” che uscirà nelle sale di tutt'Italia il prossimo 14 dicembre. La Warner Bros, società produttrice della pellicola sta valutando di utilizzare lo stesso “metodo” già visto con Kevin Spacey, premio Oscar accusato di abusi e molestie, ed “eliminare” ogni presenza di Brizzi. Il polverone si è acceso dopo il servizio mandato ieri sera in onda dalla trasmissione tv “Le Iene” in cui dieci attrici, con il volto coperto e la voce artefatta, hanno raccontato di aver subito pressioni dal regista che si è immediatamente difeso. «Ribadisco di non avere mai avuto rapporti non consenzienti», si legge in una nota diffusa dal legale di Brizzi che, intanto, ha sospeso tutte le sue attività lavorative.