L'EVENTO

Nadia Rinaldi al Museo Diocesano con "Studio Cappelli"

Il reading dell'artista romana con le musiche di Gabriella Ferri

Venerdì 23 luglio alle ore 21 al Museo Diocesano "San Matteo" Salerno Nadia Rinaldi accompagnata dalla chitarra di Gigi Sarapico Avallone e alle chitarre e strumenti tecnici Michele Maio presenta “Studio Cappelli” per la regia di Antonello De Rosa. Un incontro con le letture di Annibale Ruccello dal testo “Anna Cappelli” ,da qui il nome “Studio Cappelli “ ,con il reading di letture con le musiche della grande Gabriella Ferri eseguite dai due artisti salernitani . Nadia Rinaldi, attori e da anni in scena sui grandi palcoscenici, ha frequentato il Laboratorio di esercitazioni sceniche di Gigi Proietti, lavorando poi con lui in alcune messinscene. Successivamente l'attrice, è stata protagonista del film "Faccione (1991), esordio alla regia di Christian De Sica, cui seguirono caratterizzazioni in diverse commedie natalizie di Enrico Oldoini, ma anche ruoli da protagonista, come nell'ultimo episodio del film “Miracolo italiano”, sempre per la regia di Oldoini, nel film S.P.Q.R. - 2000 e ½ anni fa, di Carlo Vanzina, e nella commedia “Una milanese a Roma”, accanto a Nino Manfredi e Anna Longhi, per la regia di Diego Febbraro. Nel 1998 è antagonista nel film Il fantasma dell'Opera (1998), di Dario Argento, dove interpreta Carlotta Altieri.Ha anche molte fiction al suo attivo: ha preso parte alla prima stagione de “Un medico in famiglia “di Tiziana Aristarco, Al termine,verso le 22.30 salotto culturale”Il SalottoDiGio’’condotto da Gio' Di Sarno,ospita Vittoriana Abate,salernitana, laureata in Giurisprudenza, è giornalista professionista. Dal 1990 lavora in Rai, nei programmi di approfondimento giornalistico. Da oltre venti anni è inviata di Porta a Porta (Rai1). Esperta di cronaca nera e giudiziaria, ha seguito tutti i più grandi casi di cronaca dell'ultimo decennio. È opinionista nei vari programmi dellaRai. Un “salotto" ma anche un incontro con una delle più affascinanti e professionali giornaliste di salerno,da sempre legatissima alla sua città ,con cui ha un rapporto viscerale fatto di amore e passione . Tante le sue inchieste, ma anche libri ed approfondimenti giornalistici sulla realtà italiana, da sempre al centro delle sue attività. Una giornalista che si racconterà, senza filtri, dal suo esordio nelle televisioni locali salernitane, all'approdo in RAI, giovanissima, ma con tante speranze, ora divenute realtà. Vittoriana Abate racconterà anche di come, in tempi di COVID-19, l'informazione abbia avuto un ruolo importante, e forse determinante. Informazione fatta di fatti, di racconti, di immagini crude, e che mai come oggi i giornalisti, le radio e le TV, avranno sempre di più un ruolo fondamentale nella diffusione di notizie, vere, contrastando con determinazione, le fake news di cui, oggi, sembra essere piena la rete e non solo. Un incontro con una Donna che ha, realizzato i suoi sogni professionali, ma anche il suo sogno d'amore, sposando il parlamentare Simone Billi, conosciuto attraverso una intervista, in cui la scintilla è scoccata e l'amore è sbocciato.
Antonio Di Giovanni