MUSICA

Michele Pecora ora canta le gesta di Diego Maradona

L’artista cilentano ha rilasciato “In cima al mondo”: «Il Pibe dimostra che si può nascere pure in povertà ma poi vincere»

AGROPOLI - Vivo, ironico, sbagliato e perfetto, povero e ricco, contestabile e contestatore. Questo e tanto altro è stato Diego Armando Maradona, la leggenda del calcio mondiale scomparsa il 25 novembre dello scorso anno in Argentina, la sua terra natìa. L’impatto che il calciatore ha lasciato, e non soltanto nello sport, lo conosce bene Michele Pecora, il cantautore originario di Agropoli lanciato sul finire degli anni Settanta dal grande successo del singolo “Era lei”, che al campione argentino ha dedicato anche una canzone dal titolo “In cima al mondo”. Un brano cantautorale dalle note dolci e malinconiche che ben si sposa con la precedente discografia di Pecora. A tal proposito il cantautore racconta: «La cosa che mi ha colpito maggiormente è stata la partecipazione incredibile che c’è stata (dopo la tragica notizia della morte di Maradona, ndr). La mobilitazione di milioni di persone per l’ultimo saluto. Ciò mi ha fatto riflettere su quanto sia stato un riferimento non soltanto nel calcio, ma nella vita in generale».

Una leggenda, quella di Diego, da tramandare anche alle generazioni che non hanno avuto la fortuna di assistere alle sue gesta e di vivere la meraviglia di popoli interi, ma come fare? «Si può partire dal quel celebre video che lo vedeva protagonista da ragazzino, in cui palleggiava su un sinistro incredibile mentre viveva in una casa con quattordici persone. In quegli occhi malinconici c’era la consapevolezza che sarebbe stata la sua vita, perché era la sua passione, e il pallone rappresentava una speranza. L’insegnamento sta proprio nel fatto che anche chi nasce nel posto più sperduto al mondo e in condizioni di povertà, può andare, appunto, “in cima al mondo”». Il nuovo singolo di Michele Pecora è stato rilasciato nel primo giorno dell’anno. Un segnale importante, quello di voler ripartire dalla musica, sperando che essa stessa possa rinascere nel nuovo anno: «È la speranza di tutti perché la musica e di tutti. È la nostra cultura, è la nostra vita» afferma Pecora, che è tornato ad ottenere popolarità e apprezzamenti grazie alla partecipazione alla seconda edizione di “Ora o mai più”, la trasmissione di Rai 1 andata in onda nel 2019.

In tale circostanza il cilentano si mise in mostra specialmente nella serata dedicata agli inediti, quando conquistò tutto il panel di coach, composto anche dai suoi mentori, i Ricchi e Poveri, con il singolo “I poeti”. Mentre “In cima al mondo” fa il suo giro sugli store di musica digitale, Pecora si prepara al lancio del suo nuovo album, che a detta dell’autore è già ultimato: «Abbiamo tenuto in stand-by il disco per aspettare che il settore possa ripartire e presentarlo magari in concerto». All’interno del lavoro farà parte anche una traccia in dialetto cilentano, che per la prima volta in 45 anni di carriera entra a far parte della produzione del cantautore: «Anche in questo Maradona è un insegnamento, perché è uno che non ha mai dimenticato le sue origini».

Andrea Picariello