La presentazione degli Stati generali della letteratura ieri alla Provincia

LA LETTERATURA IN TOUR

La cultura si riprende Salerno e il Sud

Gli stati generali tra la città capoluogo, Potenza e Cetara

Domani arriva in Campania lo scrittore Antonio Scurati

Tre città del Sud ed un filo conduttore: raccontare il Meridione e le sue storie, costruire una rete culturale che possa valorizzare i territori che quelle iniziative culturali ospitano. Si dipana dunque tra tre città, Potenza, Salerno e Cetara, la terza edizione degli Stati generali della letteratura del Sud, appendice invernale del Festival Salerno Letteratura, in programma da oggi a domenica. «Un evento che rafforza la collaborazione con la Regione Basilicata– ha ricordato il direttore organizzativo Ines Mainieri durante al conferenza stampa di ieri – visto che il festival Salerno Letteratura ha già dedicato quest’anno molti appuntamenti alla Basilicata in vista di Matera 2019. La scelta di Cetara è stata fatta nell’ottica di valorizzare luoghi di particolare bellezza come era già accaduto con Pollica, dove si sono tenute le passate edizioni». «Sono orgogliosa e felicissima che sia stata scelta Cetara – ha detto l’assessore alla Cultura del comune costiero, Angela Speranza – Una gran bella sfida per la promozione della cultura». Il presidente della commissione cultura del Comune Ermanno Guerra ha sottolineato «la dimensione nazionale dell’evento, diventato riferimento culturale per un’area del paese, che coincide quest’anno con l’inaugurazione di Luci d’artista rappresentando un elemento in più di attrattiva». «Sono particolarmente felice – ha detto il direttore artistico Francesco Durante – per la dislocazione artistica territoriale più ampia, da oriente ad occidente. L’anno prossimo Salerno Letteratura avrà un programma ancora più impegnativo. Sono stato a New York al Galà del Words without borders, la piattaforma on line specializzata nella traduzione. Si sono detti tutti entusiasti della nostra esperienza e molti saranno qui a Salerno alla prossima edizione. Fin dall’inizio non ci siamo posti limiti ma solo l’obiettivo di fare cose belle. Se facciamo rete qui nel Meridione non c’è nessuno che può fare di più. Il tema di quest’anno è “La storia, le storie”, la storia è infatti il filtro per capire il mondo. Celebriamo lo storico Giuseppe Galasso sabato a Cetara ricordando la sua memorabile prolusione tenuta a Salerno Letteratura. Celebriamo la storia in tutte le sue forme, come quella raccontata nel libro di Antonio Scurati che ci parla di Mussolini e indaga il passato. Un’indagine sul presente è quella di Maria Pace Ottieri che nel suo libro parla del nostro territorio. Anche Alessio Forgione indaga il presente visto che il suo libro è un raggelante referto del modo di vivere dei giovani di oggi». Quattro giorni di incontri e presentazioni con molti eventi speciali. Antonio Scurati autore di “M.Il figlio del secolo” sarà domani sera alle 21 nel Salone dei Marmi di Salerno; l’incontro con Alessio Forgione autore di “Napoli mon amour” sarà domenica alle 19,30 alla Fondazione Menna. Gran finale domenica alle 21 al Teatro Genovesi di Salerno con il concerto reading per Gilda Mignonette, la regina degli emigranti, con Alessio Arena .

©RIPRODUZIONE RISERVATA