La Borsa archeologica nell’ex tabacchificio 

Capaccio Paestum, via alla kermesse di promozione del territorio. Dopo 22 anni una sede stabile nell’immobile recuperato

La Borsa mediterranea del turismo archeologico trova finalmente casa. Dopo 22 anni di iniziative all’insegna della promozione del turismo e della cultura, la prossima edizione della Bmta - che si svolgerà da domani e fino al 28 novembre - sarà ospitata stabilmente nell’ex Tabacchificio Cafasso, acquisito dal Comune di Capacco Paestum e riqualificato in tempi da record.
L’annuncio è stato dato ieri mattina, a Napoli, durante la conferenza stampa che si è svolta presso l’Ordine dei Giornalisti della Campania. Erano presenti, oltre al presidente dell’Ordine, Ottavio Lucarelli, in rappresentanza della Regione Campania, Felice Casucci, assessore regionale alla Semplificazione amministrativa e al Turismo e Rosanna Romano, direttore generale per le Politiche Culturali e il Turismo; il sindaco di Capaccio Paestum, Franco Alfieri; Salvatore Buonomo, segretario regionale del Ministero della Cultura per la Campania; e il direttore e fondatore della Bmta, Ugo Picarelli.
«Questa è un’iniziativa - ha sottolineato l’assessore Casucci - che apre una nuova stagione nella nostra visione di un turismo culturale inteso come coesione economico-sociale tra le aree interne e quelle costiere». Con l’auspicio, ha aggiunto la Romano, «che al termine di questa rassegna di Paestum risulti sempre più fondamentale il rapporto tra valorizzazione e siti territoriali. Le aree archeologiche e i musei della Campania, anche quelli meno conosciuti, sono coinvolti nel grande progetto regionale che intende creare una piattaforma condivisa e programmatica. Ne parleremo nell’ambito della Bmta il prossimo 25 novembre con il convegno incentrato sul tema dei Beni Culturali, tra risorse e bisogni».
Picarelli, fondatore e direttore della Bmta, ha ringraziato il sindaco Alfieri «che, con il suo impegno a riqualificare il Tabacchificio Cafasso in tempi brevi (solo 40 giorni), dopo 22 anni ci consente di dimostrare che al Sud con centri espositivi adeguati e non precari si possono realizzare iniziative di valore internazionale e riscuotere attenzione da parte delle istituzioni, degli addetti ai lavori, del grande pubblico, della stampa». Dalla Bmta - alla quale parteciperanno numerosi esperti del settore - arriveranno quest’anno tre proposte: la Candidatura al Consiglio d’Europa dell’Itinerario Culturale Europeo “Mediterranean Underwater Cultural Heritage”; l’utilizzo nei Parchi Nazionali delle auto elettriche per la mobilità sostenibile; il progetto “Il Cilento in Prospettiva. Per un modello nazionale di Cultura del Territorio”.
©RIPRODUZIONE RISERVATA