PADULA

Il restauro di un antico affresco bizantino nella chiesa di San Marco

Il recupero di un antico affresco mette Padula al centro del dibattito culturale campano. Il restauro si inserisce in un più ampio progetto di riqualificazione degli spazi urbani attraverso la...

Il recupero di un antico affresco mette Padula al centro del dibattito culturale campano. Il restauro si inserisce in un più ampio progetto di riqualificazione degli spazi urbani attraverso la valorizzazione del Sacrario del Trecento e dell’area antistante la Chiesa della SS. Annunziata. A portare a termine il progetto, la società cooperativa Nova Civitas che ha concentrato l’attenzione sulla facciata dell’ex Chiesa di San Marco. Il tema ritratto rappresenta una processione offertoriale. L’opera è situata all’interno di una teca e da anni risultava nascosta alla vista dei passanti da uno spesso strato di sporco e polveri. La Nova Civitas quindi, dietro interessamento di uno dei suoi membri, l’ingegnere Antonio Casella, ha provveduto a contattare la soprintendenza e a prendere le misure necessarie ad avviare un complesso lavoro di pulitura e restauro di quello che si è rivelato essere un affresco bizantineggiante. Fortuna ha voluto che un benefattore del posto abbia preso a cuore il lavoro, finanziandolo e contribuendo così a riportare in auge la figura preziosa del mecenate delle arti e ad aggiungere valore al centro storico di Padula.

«Il recupero dell’affresco porta con sé l’importanza di conservazione della memoria storica di questo paese - spiega Casella - Abbiamo voluto consegnare alle generazioni future una parte di questo patrimonio. È uno degli affreschi più antichi di Padula, nei pressi della SS. Annunziata, riqualificata attraverso un progetto comunale finanziato dalla regione Campania».

Al progetto appena terminato, sarà dedicata la giornata di lunedì, che vedrà dalle 9.30 una prima visita guidata al Museo Civico Multimediale, neonata struttura comunale incentrata su tematiche legate all’archeologia e al Risorgimento, per poi proseguire, alle ore 11, con i lavori del convegno sul progetto effettuato. Relatori saranno Caterina Di Bianco, Carmine Pinto, Antonio Casella, il sindaco Paolo Imparato, Emilia Alfinito, Antonio Tortorella.

Si presenterà sia il progetto compiuto che quello in itinere, teso alla riscoperta e valorizzazione degli affreschi e delle edicole poste lungo le antiche strade del centro storico.

A completare la giornata, una passeggiata nel centro storico padulese, volta alla valutazione dal vivo dello stato di degrado in cui versa il patrimonio artistico di Padula.

(da. spe.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA