IL FESTIVAL»CIAK SI GIRA

Si accenderanno a partire da lunedì 11 fino a sabato 16 novembre i riflettori del Festival internazionale del cinema di Salerno che, quest’anno coincide con il fine settimana d’inizio delle Luci d’Art...

Si accenderanno a partire da lunedì 11 fino a sabato 16 novembre i riflettori del Festival internazionale del cinema di Salerno che, quest’anno coincide con il fine settimana d’inizio delle Luci d’Artista. «Siamo fieri di essere arrivati all’edizione numero 73. Quest’anno abbiamo raggiunto 25 Paesi che hanno mandato 130 film e sono aumentate anche le nazioni di provenienza. Tra questi - commenta Mario De Cesare, presidente del Festival - anche Stati che sono in guerra o che attraversano profonde crisi sociali come l’Iran, la Turchia, il Libano, il Kurdistan zone che non immaginerebbero producano filmati con storie commoventi e bellissime. C’è tanta vitalità non solo guerra». Tema di questa edizione sarà il lavoro. «Abbiamo dedicato la nuova edizione del Festival ad un tema importante e problematico, che accomuna molti giovani costretti ad andare fuori per trovare lavoro. Noi siamo molto vicini ai ragazzi - spiega Paola De Cesare, direttore artistico della kermesse - e, proprio per questo abbiamo organizzato un convegno sull’usura all’Istituto Santa Caterina - Amendola in cui verrà anche proiettato il cortometraggio (“Usura” di Gianni Pagliazzi, nel cast anche l’attrice ebolitana Cinzia Lettera) relativo all’argomento. Vogliamo spingere i giovani a capire cosa ci sarà dopo l’esperienza scolastica». Non solo film e spettacolo ma anche tanti eventi collaterali arricchiranno un cartellone denso di appuntamenti con proiezioni e confronti. Oltre al convegno sull’usura, in programma c’è anche il casting a cura della Arproduction, oltre che la tradizionale serata di gala che si terrà sabato 16 novembre, e sarà presentata da Gaetano Stella con tanti importanti ospiti del mondo dello spettacolo e con la compagnia di Andrea Osvart e Miriana Trevisan. Tra le luci della Villa Comunale si potranno incontrare Euridice Axen, Pino Ammendola, Alexandra Borbèly, Massimo Bonetti, Gabriele Cirilli, Valentina Corti, Pippo Franco, Carlotta Maggiorana, Stefano Masciarelli, Francesco Pannofino, Pinuccio Pirazzoli, Giulia Ramires, Giacomo Rizzo, Stefania Sandrelli e Adelmo Togliani. Durante la serata si esibiranno la scuola di danza Academy Dance di Fabrizio Esposito, il Coro Mev (Martinappi Ensemble Vocale), la cantante Martina Nappi, il pianista Mario Nappi e il cantante Francesco Baccini. In programma anche un evento unico, l’esibizione del “pianista fuori posto”, un concerto sorprendente che si terrà in piazza Amendola il 14 novembre, alle 20:30. «Un momento bellissimo, un pianista sospeso, invito tutti ad essere presenti. Il Festival - commenta l’assessore alle Politiche giovanili, Mariarita Giordano - è un faro tra le luci, c’è la storia di Salerno e con un filmato rivedremo tutte le celebrità che nel corso del tempo hanno preso parte alla manifestazione. Un evento da non perdere che darà il via alla nuova edizione di Luci d’Artista». Un plauso particolare all’iniziativa è arrivato dall’assessore alla Cultura, Antonia Willburger che ha auspicato per questa kermesse un supporto ancor maggiore da parte di sponsor anche più importanti di quelli che ci sono stati in questi anni. «Salerno 73 anni fa ha iniziato già a parlare di cinema e, insieme a Linea d’Ombra ha tutti i titoli per essere lanciata in Europa per le attività cinematografiche che fa. È chiaro - aggiunge l’assessore Willburger - che abbiamo bisogno di maggiore visibilità da parte di grossi imprenditori. Il Festival, - conclude - porta lustro alla nostra città e ha uno sguardo sul mondo anche verso Oriente. Salerno, tra mille altri problemi arriva in questi luoghi e loro portano qui da noi la loro storia, cultura e tradizione».
Eleonora Tedesco
©RIPRODUZIONE RISERVATA