MUSICA

Eboli, le star sul palco del “Palasele”: sette eventi per ricominciare

Il 28 maggio si parte con i “Modà” e in autunno l’atteso “Notre Dame de Paris”

 

EBOLI - Due anni senza musica né eventi. Ottocentosessanta giorni di attesa dall’ultimo spettacolo tenutosi al Palasele il 19 gennaio 2020. Ed ora finalmente si riprende. Ieri mattina la presentazione del calendario 2022 che prenderà il via sabato 28 maggio con il “Buona Fortuna Tour” de’ “I Modà”. Palpabile l’emozione di Alfonso Troiano di “Anni 60 Produzioni”, dell’intero staff e, soprattutto, del pubblico che ha atteso con trepidazione e pazienza che la crisi da covid passasse.

«Il Palasele è la struttura più importante in Campania ed è tra i migliori palasport in Italia. Dopo anni di lavoro e investimenti abbiamo migliorato l’agibilità e le vie di esodo. Possiamo ospitare 6.200 spettatori. Unica struttura così accogliente nel sud Italia – ha spiegato Troiano – Così possiamo presentarvi 7 eventi e 4 in esclusiva per il sud: I Pinguini Tattici Nucleari (25 giugno), Sfera Ebbasta (1 ottobre) , Me contro te (3 e 4 dicembre) e, in esclusiva per la Campania, Biagio Antonacci (11 novembre)». «Ma avremo anche altri artisti- ha aggiunto - aspettiamo conferme. Ed infine devo ringraziare gli spettatori per averci atteso con fiducia e pazienza, nonché l’Amministrazione comunale che ha accolto con entusiasmo la nostra proposta di ricominciare accompagnandoci da vicino».

Nel programma compare anche il ritorno, attesissimo, di “Notre Dame de Paris” previsto per il 26 e 27 novembre che celebrerà proprio ad Eboli il ventennale dall’esordio sulle scene con la straordinaria presenza sul palco del cast originale che vedrà Lola Ponce tornare nei panni di Esmeralda. Ed infine il 6 dicembre il Salmo Flop Tour.
Sono trascorsi 20 anni dal primo concerto tenuto al Palasele da Antonello Venditti, ma l’entusiasmo della prima volta sembra essersi rinnovato dopo questa lunga pausa di silenzio. «La città è in grande fermento – ha esordito Vincenzo Consalvo, assessore agli eventi, turismo e spettacolo oltre che vicesindaco - Aggiungo al vostro slogan “l’attesa è finita…il nostro: stiamo arrivando”. Con determinazione vogliamo rilanciare questa struttura, ma anche tutti gli impianti sportivi. Stiamo immaginando un percorso con Anni 60 per l’accoglienza di quanti verranno in città per gli eventi. Intendiamo far conoscere tutte le nostre eccellenze. Da quelle gastronomiche a quelle turistiche. Stiamo studiando la formula migliore». «Abbiamo accolto la ripresa con felicità e soddisfazione - ha aggiunto il sindaco - Riprendiamo così anche il rapporto con la città. Si stanno creando sinergie importanti con gli imprenditori. Immaginiamo un’area più bella. Vogliamo creare un vero villaggio degli sport e degli eventi. Con tanto verde e una eccellente accoglienza». (re. spe.)