«Canto l’amore per far rivivere la normalità» 

Il noto artista ha rilasciato un nuovo singolo “Mentre aspetto che torni”: numerosi sono i ricordi che mi legano a Salerno

È tornato a farsi sentire nel vasto panorama musicale italiano Nick Luciani, cantante e polistrumentista romano che, a cavallo degli anni Settanta, ha contribuito a rendere gloria alla musica italiana come leader di un noto gruppo, simbolo della musica leggera tricolore, con brani rimasti poi nell’immaginario collettivo. Da riconoscimenti prestigiosi, come il Premio della Critica al Festival di Ariccia, capitanato da Teddy Reno e Rita Pavone, conquistato nel 1987, fino a incontri e avventure importanti che lo hanno portato a ottenere il vertice delle hit parade italiane. Nel 2015 il suo debutto da solista, e da allora non si è più fermato, con la voglia sempre di regalare nuove emozioni, attraverso le sue canzoni, al pubblico. “Mentre aspetto che torni”, questo il titolo del brano con cui si riaffaccia al grande pubblico, vede la collaborazione di Andrea Gallo, già autore per Mina e Celentano, oltre che per Viola Valentino, e del musicista milanese Daniele Piovani. Un ritorno importante, che rappresenta la voglia di ricominciare ancora, sempre e comunque, scappando via dai ricordi che troppe volte tendono ad ancorarci al passato, ma invece con l’intenzione di scrivere nuove pagine si vita, che possano anch’esse restare nel tempo e nella memoria. A oggi tante sono le novità che Nick Luciani sta preparando per i suoi numerosi sostenitori che, negli anni, non lo hanno mai abbandonato, ma che invece gli hanno fatto sempre sentire il proprio calore e sostegno.
Di cosa parla questo suo nuovo singolo, che le dà il “bentornato” sulla scena musicale italiana?
“Mentre aspetto che torni” racconta la storia d’amore vissuta tra alti e bassi. Descrive la voglia di ritrovare la speranza e la serenità quotidiana. Nei primi giorni di agosto uscirà anche il videoclip ufficiale.
Ci si può leggere anche un messaggio rivolto al delicato momento attuale?
Assolutamente. Si basa sui principi di coppia che molte volte, adesso, non vengono rispettati.
Il brano sarà contenuto in un nuovo capitolo discografico di prossima uscita?
Il primo singolo di quest’anno è “L’amore che dai”, sempre incentrato sull’amore, rilasciato prima che scoppiasse l’emergenza sanitaria. Per l’estate abbiamo invece deciso di pubblicare questo brano, in collaborazione con Daniele Piovani e Andrea Gallo. Ho un team molto affiatato che mi segue, tra cui il mio ufficio stampa Patrizia Faiello e il manager Terry Devol di TPBlondesManagement. Uscirà poi sicuramente un piccolo cd composto da questi ultimi brani.
Cosa ne pensa della nuova scena musicale italiana, invasa da nuove tendenze e dove la trap e l’indie rappresentano il nuovo pop?
I ragazzi sono molto preparati, però per me nei testi manca sempre qualcosa. Certamente sono molto cambiati rispetto a quelli del passato, inoltre sono tormentoni che durano un’annata, massimo due, poi spariscono, rispetto a brani storici come “Anima mia”, uno dei brani appartenenti al mio passato. Qualche differenza quindi sicuramente c’è, considerando anche l’attenzione che si dà ai likes e ai numeri social. Non sono generalmente brani destinati a durare nel tempo, a restare nella storia. C’è qualcosa che non va.
Il territorio salernitano le ha sempre riservato tanto affetto...
Sto riprendendo rapporti lì, visto che ricevo numerose richieste, anche da parte di privati. La gente mi ricorda con molto affetto, infatti ho molti fan a Salerno e in tutta la Campania.
A piccoli passi stanno ripartendo i concerti in tutto lo Stivale. Ci sono possibilità di vederla in tour in giro per l’Italia questa estate?
La possibilità c’è. Voglio dire a tutti i miei sostenitori di cercarmi sui social. C’è la mia pagina ufficiale, oltre che i miei profili privati. Lì possono trovare tutto in merito agli aggiornamenti sulle prossime date. Sto partendo con i locali ed eventi privati. Purtroppo c’è un blocco che persiste a causa di questo maledetto Covid.
Ha in programma di proporre un brano alla commissione selezionatrice del Festival di Sanremo 2021?
Stiamo lavorando anche su questo fronte. Sicuramente sì, perché non provarci? La voglia c’è sempre, poi sta tutto in mano al destino nel riservarci questa sorpresa. Stiamo lavorando a nuovi singoli, è un cantiere aperto.
Andrea Picariello
©RIPRODUZIONE RISERVATA