Antonio Innamorato Il senatore del popolo 

Si presenta a Teggiano il volume dedicato al politico dianese

Si intitola “Antonio Innamorato, un politico coraggioso” il libro, pubblicato da Giuseppe Galzerano e curato da Antonio Marrone, che ha voluto ricordare l’amico e il compagno di partito nel terzo anniversario della scomparsa. Sarà presentato a Teggiano oggi pomeriggio, alle ore 16, nell’aula consiliare del Complesso Monumentale “SS. Pirtà”. Alla presentazione, patrocinata dalla Città di Teggiano e dall’Ordine dei Giornalisti della Campania, dopo i saluti del presidente dell’associazione dei giornalisti del Vallo di Diano Rocco Colombo del sindaco Michele Di Candia e del già delegato alla Cultura Conantonio D’Elia, porteranno la loro testimonianza la giornalista Angela D’Alto, il leader Ltlm di Salerno, nel 1984, Franco Falcone e, per la Caritas nazionale, don Andrea La Regina. Discuteranno dell’opera, moderati dal presidente dell’OdG della Campania Ottavio Lucarelli, i giornalisti Geppino D’Amico, Antonio Manzo ed Edoardo Scotti, il presidente di Sezione della Corte dei Conti Michele Oricchio e il docente universitario di Storia Contemporanea Carmine Pinto. A conclusione della cerimonia ci sarà l’intervento di Stefania Craxi. Il libro curato da Marrone oltre a ricostruire le tappe salienti dell’attività professionale e politica di Innamorato, ospita ricordi e testimonianze di amici, colleghi, politici, docenti, giornalisti, esponenti della società civile. La prefazione è del magistrato cilentano Michele Oricchio, presidente di Sezione della Corte dei Conti, che ricorda Innamorato «appartenente a quella generazione di uomini politici di primo piano che avevano conosciuto i disagi del dopoguerra e che portarono alla ribalta regionale e nazionale il Vallo di Diano e il Cilento, incarnandone la volontà di riscatto per sottrarli alla secolare marginalità». Tra le testimonianze presenti nel volume, alcuni interessanti articoli del giornalista valdianese Geppino D’Amico sull’attività politica di Innamorato negli anni Ottanta e il testo di un’intervista televisiva al senatore, realizzata, sempre dallo stesso giornalista. Laureato in Lettere, Antonio Innamorato è stato docente e poi preside dell’Istituto Magistrale “Pomponio Leto” di Teggiano. È stato sindaco della sua città, presidente della Provincia di Salerno dal 1985 al 1987 e Senatore della Repubblica per due legislature, dal 1987 al 1995, ricoprendo il ruolo di Sottosegretario di Stato alla Pubblica Istruzione nel Governo Ciampi. Legatissimo al senatore socialista Enrico Quaranta, il cui ricordo è ben presente nel libro, Innamorato non smise mai di credere nelle straordinarie potenzialità del patrimonio naturale, archeologico e storico del Diano e del Cilento. Oltre a battersi per l’istituzione del Parco, nel corso del suo ultimo mandato al Senato fu il primo firmatario di un disegno di legge per l’istituzione della Soprintendenza archeologia di Paestum. Sportivo praticante, nel 2010 e nel 2012 partecipò alla famosa Maratona di New York che corse interamente. Morì il 21 aprile 2018. “Antonio Innamorato, un politico coraggioso” è un libro che ricorda un Uomo che «ha affrontato le sfide del suo tempo a viso aperto e che ha capito come scendere in campo in prima linea assumendo via via responsabilità più ampie, dal Comune al Governo, per rappresentare gli interessi di quelle aree interne (quali il Vallo di Diano e il Cilento) sempre neglette».
©RIPRODUZIONE RISERVATA