“Andrà tutto bene”: Giarletta canta il lockdown 

Il cantautore battipagliese esorcizza in musica l’emergenza Covid e apre un nuovo capitolo artistico

Una celebrazione in musica del momento difficile che sta attraversando l'Italia intera, lanciando un messaggio in note fatto di positività e speranza. Si tratta del nuovo singolo del cantautore battipagliese Gerardo Giarletta, che negli scorsi giorni ha rilasciato il suo brano, intitolato “Andrà tutto bene”, frase che ha accompagnato l'intera fase di lockdown dell'emergenza Covid-19 e che continuerà a vivere in un nuovo capitolo artistico per il giovane artista, che arriva dopo la pubblicazione di altre canzoni, tra cui l'estiva “Voglio andare altrove” in collaborazione con Eujenia, che ha raggiunto ottimi risultati in termini di visualizzazioni del videoclip sul canale Youtube ufficiale del cantautore.
“Andrà tutto bene” rappresenta una nuova collaborazione artistica del battipagliese, questa volta con il bassista Marco Dirani, componente della band del talent show The Voice of Italy, e parte del team di Umberto Tozzi nel tour “Yesterday… Today”. Alla produzione di Dirani si aggiunge il supporto di Federico Berti, fondatore della Relive-Eventi. «Tengo molto a questa canzone. A pensare che è nata inaspettatamente, in una notte buia e particolare. Particolare soprattutto per questo momento difficile che ognuno di noi sta attraversando - ha detto Giarletta -. In questa canzone mi sono messo completamente a nudo, parlando a me stesso e al mondo che c’è fuori queste finestre di casa. Ed è proprio qui che è nata “Andrà tutto bene”. Un messaggio molto importante che racchiude tutto».
Questo singolo tratta una tematica estremamente attuale, ma Giarletta non è nuovo a cantare la realtà della vita quotidiana di tutte le persone che lo circondano. L’artista battipagliese ascolta, e poi mette in musica tutte le storie che gli sono passate davanti, con la speranza che poi chi ascolterà i suoi brani potrà ritrovarsi nelle sue parole, ed è proprio il caso di “Andrà tutto bene”, come dice lo stesso Giarletta: «Chiunque può ritrovarsi in questa storia. Nella canzone mi rivolgo ad una persona che mi sta accanto ma può essere dedicata ad una madre, un padre, una sorella, un fratello, un amico, alla propria donna, al proprio uomo, ai propri nonni che sono loro a soffrire maggiormente in questo periodo». La produzione di Giarletta non si ferma, nuovi brani sono in arrivo prossimamente.
Andrea Picariello
©RIPRODUZIONE RISERVATA